Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:22
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Il gruppo Facebook maschilista che mette in palio 200 euro in cambio di foto hard

Immagine di copertina

Il gruppo Facebook maschilista che mette in palio 200 euro in cambio di foto hard

Sono maschilisti dichiarati gli ideatori del gruppo Facebook e Instagram “Roba da maschi” che ha lanciato il controverso contest per donne alle quali viene chiesta una foto hard in cambio di un buono Amazon dal valore di 200 euro. La pagina Facebook “Roba da Maschi” conta quasi 40mila like. Un covo di foto porno con commenti fortemente discriminatori per il genere femminile.

L’invito per partecipare al “concorso” recita: “Ad Aprile concorsone a tema Covid19. Tutte le ragazze che inviano foto a tema marchiate Rdm possono vincere un buono amazon da 200 euro. Solo reali”. Ma a lasciare ancora più perplessi è la descrizione della pagina che si legge nelle informazioni Facebook: “Torniamo più tosti di prima ricordando che siamo una pagina maschilista ma goliardica e ironica”. E’ evidente che anche la sfera sessuale ha risentito degli effetti della quarantena imposta dall’emergenza Coronavirus che ci rilega in casa da settimane.

Questo metodo di lanciare concorsi sul web in cui viene chiesto alle giovani donne di inviare foto con scritte sulle parti intime ricorda quello utilizzato dai gruppi e dalle pagine Facebook ora chiusi (tra questi ricordiamo Degradoland, pagina chiusa grazie alla denuncia di Selvaggia Lucarelli) nei quali era stata inventata la famosa “Bibbia”, quell’enorme e agghiacciante archivio che conteneva migliaia di foto di minorenni e di vittime di Revenge Porn.

Leggi anche: Con il lockdown aumentano i casi di Reveng Porn: ecco come difendersi

Ti potrebbe interessare
Costume / Martina Vismara, modella e blogger che insegna l’amore per il corpo
Costume / Com’è nata la Nintendo Switch OLED?
Costume / Antonio Ricci a TPI: “Io sono una bestia ma voi siete ipocriti”
Ti potrebbe interessare
Costume / Martina Vismara, modella e blogger che insegna l’amore per il corpo
Costume / Com’è nata la Nintendo Switch OLED?
Costume / Antonio Ricci a TPI: “Io sono una bestia ma voi siete ipocriti”
Costume / Svolta arcobaleno nei fumetti: il nuovo Superman è bisessuale
Costume / Pensare troppo causa infelicità: e se ti dicessimo che stai sprecando il 66% della tua vita?
Costume / Come fare una fattura elettronica: guida alla compilazione
Costume / L’ultimo allievo di De Chirico
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Costume / A cos* serv* l* schwa: è davvero necessario un nuovo segno scritto per includere tutti?
Costume / Casinò online: le differenze normative negli Stati Europei