Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Carlo Cracco serve solo mezza pizza: la provocazione dello chef ai clienti del ristorante stellato

Immagine di copertina

La pizza di Carlo Cracco servita a metà

Carlo Cracco lancia una provocazione ai suoi clienti: nel suo ristorante in Galleria Vittorio Emanuele a Milano la pizza viene servita a metà. Uno sgarbo non da poco quello dello chef stellato e giudice di MasterChef. Ma dietro al gesto poco cortese di Cracco si nasconde un fine nobile.

I clienti del ristorante milanese Cracco in Galleria si sono trovati nel piatto la pizza ridotta di un terzo, perché corrisponde esattamente alla quantità di cibo che ogni giorno viene sprecato nel mondo (pari a circa 1,6 miliardi di tonnellate l’anno). L’idea di Carlo Cracco nasce dalla collaborazione con l’app antispreco Too Good To Go, in vista della prima Giornata Internazionale della consapevolezza sugli sprechi e le perdite alimentari, istituita per il 29 settembre dalla FAO e dalle Nazioni Unite.

Cracco è uno degli 11 chef italiani che hanno aderito all’invito di Too Good To Go e prepareranno per quel giorno una “Chef box”, piatto antispreco stellato con ricetta, prenotabile tramite l’app che sarà possibile ritirare direttamente al ristorante. Oltre a lui parteciperanno a Milano gli chef Matias Perdomo (EXIT), Eugenio Boer (Bu:r), Claudio Sadler (Ristorante Sadler), Wicky Priyan (Wicky’s Wicuisine) e Nicolò Farias (Cocciuto).

“Un terzo del cibo al mondo viene sprecato: le implicazioni in termini ambientali, sociali ed economici sono enormi, ma come spiegarlo in modo semplice e intuitivo? Con l’aiuto di Chef Carlo Cracco ci abbiamo provato con una piccola provocazione verso i clienti del suo bistrot”, hanno spigato i titolari dell’app.

“Capire e affrontare il problema dello spreco alimentare sta diventando sempre più importante e fondamentale. Non a caso, il 29 settembre le Nazioni Unite e la Fao hanno proclamato la prima giornata Internazionale della consapevolezza sugli sprechi e le perdite alimentari. E per quest’occasione, abbiamo coinvolto alcuni dei più importanti Chef della ristorazione italiana per sottolineare ancora di più quanto lo spreco vada contrastato in tutte le sue forme, dall’alta cucina alla cucina di casa, passando per negozi, supermercati, aziende”, concludono.

Leggi anche: 1. La pizza Margherita di Cracco è cambiata / 2. Cracco, la sua pizza margherita è sempre più cara: lo scontrino da capogiro/ 3. Fase 2, Carlo Cracco riapre il ristorante di Milano: ecco quanto costa il menù d’asporto dello chef

Ti potrebbe interessare
Costume / Tradizione, sostenibilità e futuro: la ricetta del Consorzio del Prosciutto di San Daniele che compie 60 anni
Costume / I principali trend eCommerce del 2022 spiegati da Yeppon.it
Costume / L’influencer laureata in ingegneria aerospaziale: ecco chi è Alex Mucci
Ti potrebbe interessare
Costume / Tradizione, sostenibilità e futuro: la ricetta del Consorzio del Prosciutto di San Daniele che compie 60 anni
Costume / I principali trend eCommerce del 2022 spiegati da Yeppon.it
Costume / L’influencer laureata in ingegneria aerospaziale: ecco chi è Alex Mucci
Costume / Preventivo ristrutturazione: tutto quello che c’è da sapere
Costume / Dal RNG alla Roulette Online: gli algoritmi che controllano il gioco
Costume / “Impact Girl”, un nuovo media dedicato all’empowerment femminile
Costume / inTherapy: i percorsi di psicoterapia garantiti da Studi Cognitivi
Costume / Costa Crociere: un’esperienza turistica incentrata sulla sostenibilità e la gastronomia
Costume / Vestiti lunghi per capodanno: 5 idee a cui ispirarsi
Costume / #DONAREVALEQUANTOFARE – Il nuovo spot Cei sul sostegno alla missione dei preti