San Lorenzo 2020, la notte delle stelle cadenti (e dei desideri): data, orari, frasi e dove vederle

I consigli degli astronomi, il picco di visibilità e gli orari per potere ammirare al meglio lo spettacolo delle stelle cadenti. Tutti pronti con gli occhi al cielo e i desideri nel cuore

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 10 Ago. 2020 alle 18:46 Aggiornato il 10 Ago. 2020 alle 19:02
174
Immagine di copertina
Stelle cadenti. Credit: Pixabay

Notte di San Lorenzo 2020: data, storia, frasi e dove vedere le stelle cadenti

“Vedo stelle che cadono nella notte dei desideri“, canta Jovanotti facendo riferimento all’evento tra i più attesi e romantici dell’anno, la notte di San Lorenzo. Ad agosto sarà possibile ammirare le stelle cadenti, conosciute anche come “lacrime di San Lorenzo” o Perseidi, nelle notti tra l’10 e il 13 agosto 2020. Come ormai risaputo la “pioggia di stelle” infatti non è circoscritta nella sola notte del 10 agosto, ma anche nei giorni a seguire. Ma perché la notte di San Lorenzo 2020 è un evento assolutamente da non perdere? Vediamo tutto quello che c’è da sapere su questa giornata.

Notte San Lorenzo 2020, la data

Partiamo innanzitutto dall’informazione base: quando è la notte di San Lorenzo 2020? Un giorno non casuale, visto che il 10 agosto – secondo il calendario cristiano – si ricorda il martirio di San Lorenzo. Tuttavia, trattandosi di un evento legato fortemente all’astronomia e non al nostro calendario, la data del 10 agosto è puramente indicativaCome già detto sopra quest’anno se vogliamo vedere le stelle cadenti dobbiamo puntare gli occhi al cielo a partire da lunedì 10 agosto, ma anche nei giorni a seguire, il picco delle meteore Perseidi quest’anno è previsto dall’11 al 13 agosto.

Notte San Lorenzo 2020, orari – Gli orari consigliati da AstronomItaly per l’osservazione delle stelle cadenti 2020 sono dalle 22 fino a poco prima del mattino, verso le 4. È il momento in cui ci sarà una pioggia di stelle da circa 100 meteore l’ora.

Perseidi o stelle cadenti? – Le Perseidi, meglio conosciute come stelle cadenti, sono uno sciame meteorico che attraversa la Terra generalmente nel mese di agosto. In questo periodo, infatti, la Terra passa attraverso lo sciame di queste meteore ed è questo il motivo per cui dal nostro pianeta, guardando all’insù, si vedono questi corpi volanti luminosi che cadono. E di conseguenza è questo il motivo per cui l’apice delle “stelle cadenti” non è proprio il 10 agosto, ma le notti successive, quando la Terra entra proprio nel pieno delle Perseidi. Il nome deriva dal punto da cui sembrano provenire dalla prospettiva terrestre, cioè appena al di sopra della costellazione di Perseo.

Stelle cadenti nella notte di san Lorenzo 2020: dove vederle – Per ammirare al meglio lo spettacolo delle stelle cadenti nel periodo della “notte di San Lorenzo” non è necessaria alcuna attrezzatura speciale, a occhio nudo le stelle sono ben visibili. Qualche accorgimento che potrebbe fare la differenza però c’è, sempre AstronomItaly, suggerisce infatti di:

  • Trovare un luogo non troppo luminoso, è necessario quindi cercare un posto dove ci sia quanto più buio.
  • Essere pazienti: rilassati e aspetta, le meteore arrivano infatti saltuariamente e intervallate da pause.

Qui le frasi da utilizzare per le foto che scatterete al cielo stellato.

Notte San Lorenzo 2020, la storia di questo evento

Come già anticipato, la notte di San Lorenzo viene chiamata così perché cade nel giorno in cui i cristiani festeggiano l’omonimo santo e martire. San Lorenzo è il patrono di cuochi, pompieri e diaconi. Originario della Spagna, dove nacque nel III secondo dopo Cristo, si trasferì a Roma al seguito del futuro papa Sisto II, che lo scelse per assistere orfani e vedove nella città eterna. Lorenzo morì martire per il suo credo religioso, probabilmente durante il regno dell’imperatore Valeriano, che emanò un editto secondo cui tutti i vescovi, presbiteri e diaconi dovevano essere uccisi. Lorenzo aveva 33 anni.

Ma perché questo santo è collegato alla notte delle stelle cadenti? Si dice che Lorenzo sia stato steso su una graticola e arso vivo, anche se questa ricostruzione non è mai stata confermata pienamente dagli studi. Nonostante non si abbia la certezza sulla modalità della sua morte, San Lorenzo è stato collegato al fenomeno delle stelle cadenti perché il movimento di queste ultime ricorda quello dei carboni ardenti con cui il santo sarebbe stato ucciso. Giovanni Pascoli, nella sua poesia “X agosto”, interpreta le stelle cadenti come lacrime del cielo. E da allora la notte del 10 agosto è divenuta per tutti la notte di San Lorenzo.

Notte San Lorenzo 2020, le frasi più belle

Come tutti sanno, la notte di San Lorenzo non è solo quella perfetta per esprimere un desiderio. È anche il momento giusto per far sì che alcuni di essi, soprattutto quelli riguardanti l’amore, si avverino. Come? Ovviamente scrivendo un bel messaggio alla persona amata. La notte di San Lorenzo è la scusa perfetta per abbandonarsi al grande romanticismo. Siete a corto di idee? Abbiamo raccolto una serie delle migliori frasi per questa notte fantastica:

  • Per quanto difficile possa essere la vita, c’è sempre qualcosa che è possibile fare. Guardate le stelle invece dei vostri piedi.
    Stephen Hawking
  • A grandi sorsate mi ubriacavo di stelle.
    Guillaume Apollinaire
  • Se guardi il cielo e fissi una stella, se senti dei brividi sotto la pelle, non coprirti, non cercare calore, non è freddo ma è solo amore.
    Khalil Gibran
  • Ed anche le stelle cadono, alcune sia fuori che dentro, per un desiderio che esprimi te ne rimangono fuori altri cento!
    Ligabue, Niente paura
  • San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per l’aria tranquilla arde e cade, perché sì gran pianto nel concavo cielo sfavilla.
    Giovanni Pascoli
  • Quanno me godo da la loggia mia
    quele sere d’agosto tanto belle
    ch’er celo troppo carico de stelle
    se pija er lusso de buttalle via,
    ad ognuna che casca penso spesso
    a le speranze che se porta appresso.
    Trilussa
  • A volte, di notte, dormivo con gli occhi aperti sotto un cielo gocciolante di stelle. Vivevo, allora.
    Albert Camus
  • Chi ci ha dato gli occhi per vedere le stelle senza darci le braccia per raggiungerle?
    Florbela Espanca
  • Le stelle sono buchi nel cielo da cui filtra la luce dell’infinito.
    Confucio

Notte di San Lorenzo: le frasi più belle da dedicare

174
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.