Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Gonne e tacchi non sono solo per donne: l’eterosessuale Mark Bryan ne è la prova

Immagine di copertina
Credit: Instagram Mark Bryan

In questi giorni appassionati nella lotta per l’approvazione del Ddl Zan, vogliamo raccontarvi una storia diversa che viene da Berlino e che ha a che fare con l’abbigliamento e le sue convenzioni. Molti credono infatti che i vestiti abbiano un “gender” (parola capace di agitare in maniera inconsulta le “destre” del nostro Paese): che alcuni capi siano nati solo per uomini o donne. Fortunatamente ci sono personaggi che se ne fottono di queste convenzioni e indossano quello che vogliono in maniera completamente libera.

E’ il caso di Mark Bryan, americano di nascita ma che vive da anni a Berlino dove fa l’ingegnere robotico. Guardando il suo profilo Instagram da oltre 500.000 follower (tra cui Rihanna) si legge nella bio: “amo le Porsche e indossare gonne e tacchi tutti i giorni”. Fondamentalmente vive la sua vita come tutti gli altri, come tutti noi, con la differenza che ogni giorno quando esce di casa rompe gli stereotipi di genere. E come potete constatare dalle foto è semplicemente strepitoso.

“Non c’è una motivazione precisa per cui mi vesto così” racconta. “Ho sempre ammirato le donne con le gonne strette e i tacchi. Non sessualmente, ma per il potere che loro rappresentano. Io non mi vesto così per essere sessualmente attraente, ma semplicemente mi abbiglio come fanno alcune manager, come donne sul luogo di lavoro. Per me, davvero, i vestiti non hanno gender. Non mi metto abiti, solo gonne. Perché gli abiti non mi permettono di mescolare i generi. E io preferisco un look più mascolino sopra il busto unito a quello che tutti potete vedere sotto”.

Credit: Instagram Mark Bryan

Sì, vi sento fin qui voi elettori della destra più becera del nostro Paese: “Eh, ma questo sarà solo un rappresentante della comunità LGBT con un’altra delle sue perversioni” E, invece, come spesso accade vi sbagliate: Mark è sposato (anzi: è stato sposato 3 volte e con sua moglie festeggia, quest’anno 11 anni di matrimonio) e ha una figlia: entrambe lo supportano. “Mia moglie, spesso, mi suggerisce cosa mettere. Mia figlia, invece, vorrebbe rubarmi molte scarpe. Purtroppo portiamo numeri diversi”.

Ovviamente la reazione della gente è molto variegata. “Io ho cominciato 4 anni fa ad assecondare questo mio ‘desiderio’. Le prime volte ero molto nervoso, pensando alla reazione che avrei avuto in giro. Ma mi sono reso conto di una cosa: a gran parte delle persone non frega nulla di come io sia vestito. Poi, chiaramente, ci sono reazioni differenti. Quella delle donne, in generale, è buona: ricevo un sacco di complimenti. Gli uomini, invece, tendo a spiazzarli. Spesso chiedo ai più insistenti (o a quelli che non credono che io sia felicemente eterosessuale): ‘Perché metti in dubbio le mie preferenze sessuali semplicemente per il fatto che indosso una donna? Mi faresti la stessa domanda se indossassi pantaloni? Quando vedi una donna in gonna e tacchi, le chiedi le sue preferenze sessuali?'”.

Credit: Instagram Mark Bryan

Le grandi firme e i grandi designer come Marc Jacobs fanno adesso a gara per collaborare con lui e sebbene non se ne curi (“Loboutin mi ha mandato delle scarpe ma non mi stavano bene e quindi le ho rimandate indietro e se la sono un po’ presa”) con Mark siamo di fronte a una vera rivoluzione culturale: è diventato un vera icona e dona parte del ricavato delle sue campagne ai bambini pakistani in età scolare, ma soprattutto è diventata una vera e propria voce contro gli stereotipi e l’importanza di cambiarli in forme espressive che permettano alle persone di vivere la loro libertà. Ma soprattutto il proprio concetto di libertà.

Leggi anche: La rabbia di Fedez fa tenerezza: rappresenta tutti noi gay che subiamo violenza da anni (di M. Giorgi)

Ti potrebbe interessare
Costume / Come la tecnologia sta cambiando i servizi funebri: il caso Lastello.it
Costume / Kanye West e Irina Shayk stanno insieme: le foto della coppia in vacanza in Provenza
Costume / Chiara Ferragni apre il suo primo caffè a Milano
Ti potrebbe interessare
Costume / Come la tecnologia sta cambiando i servizi funebri: il caso Lastello.it
Costume / Kanye West e Irina Shayk stanno insieme: le foto della coppia in vacanza in Provenza
Costume / Chiara Ferragni apre il suo primo caffè a Milano
Costume / Folkloore, abiti esclusivi realizzati a mano negli angoli più remoti della terra
Costume / Un’esperta di appuntamenti rivela su TikTok il modo ideale per chiedere a una ragazza di uscire
Costume / Le Crocs con i tacchi a spillo: lo zoccolo di gomma extra lusso è firmato Balenciaga
Costume / WhatsApp, lo stesso account si potrà usare su 4 dispositivi diversi
Costume / Il celebre "Mulino Bianco" va all'asta
Costume / Lo studente spagnolo che va a scuola in gonna per superare i pregiudizi di genere
Costume / No vax contro Chiara Ferragni: "Non si è vaccinata, guardate il braccio". Lei: "Siete pazzi"