Questa foto ha mandato in crash alcuni smartphone Android

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 12 Giu. 2020 alle 13:16 Aggiornato il 12 Giu. 2020 alle 13:16
193
Immagine di copertina
Credit: Gaurav Agrawal

La foto che ha mandato in crash i telefoni Android

Una semplicissima foto di un paesaggio statunitense è riuscita a paralizzare diversi cellulari Android. L’immagine “incriminata” è stata scattata nell’agosto 2019 a St Mary Lake nel Glacier National Park (Montana) dallo scienziato Gaurav Agrawal. Lo scatto è stato poi condiviso dall’autore sulla piattaforma fotografica Flickr. E fin qui nulla di strano.

La fotografia è piaciuta molto agli utenti di Flickr, e in tanti hanno deciso di scaricarla per impostarla come sfondo per i propri smartphone Android. E qui nasce il problema. La foto ha fatto andare in crash alcuni cellulari dotati di Android 10 (Samsung, Google Pixel e altri).

I telefonini hanno iniziato ad accendersi e spegnersi ripetutamente. Rendendo i cellulari inutilizzabili. L’unico modo per risolvere il problema è stato un ripristino alle condizioni di fabbrica, e quindi l’eliminazione di tutti i dati.

Si è scoperto che dopo avere scattato la foto con una Nikon, Gaurav Agrawal ha modificato l’immagine utilizzando il software di editing Lightroom. Ed è qui che si è insinuato il bug. Lightroom offre tre opzioni di modalità colore per esportare il risultato finale. Quello scelto dallo scienziato sembra aver confuso alcuni telefoni Android.

“Non sapevo che quel formato avrebbe causato questo problema”, ha raccontato alla Bbc. “Ho un iPhone e il mio sfondo è sempre stato una foto di mia moglie”. Agrawal ha oltre 10mila follower sulla piattaforma di fotografia Flickr e il suo scatto è stato pubblicato dalla rivista National Geographic. “Speravo che la mia fotografia sarebbe diventata ‘virale’ per una buona ragione, ma forse sarà per un’altra volta”, ha concluso.

Leggi anche: Coronavirus, la commovente foto del medico che porta un paziente a vedere il tramonto

193
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.