Emma Watson, single e felice, si definisce “self-partnered”

L'attrice di Harry Potter ha raccontato su Vogue UK della pressione culturale quando si raggiungono i 30 anni

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 5 Nov. 2019 alle 22:01
785
Immagine di copertina

Emma Watson crea un nuovo termine per chi è single e felice: “Sono fidanzata con me stessa”

A 30 anni, Emma Watson è single e felice al punto da voler creare un nuovo termine che rappresenti il suo status: si definisce self-partnered, auto-associata, una persona che sta bene con se stessa e che ha un perfetto e armonico rapporto con il proprio essere.

La star di Harry Potter a breve tornerà nelle sale con l’ennesimo adattamento di Piccole Donne (con la regia di Greta Gerwig) e, sulle pagine di Vogue, ha raccontato della pressione culturale che si ottiene quando si raggiungono i trent’anni.

“Mi rendo conto che all’improvviso c’è questo dannato afflusso di messaggi subliminali in giro. Se non hai una casa, se non hai un marito, se non hai un bambino, e hai compiuto 30 anni, e ‘non sei in una situazione incredibilmente sicura e stabile nella tua carriera, o stai ancora cercando di capire… C’è solo questa incredibile quantità di ansia”, ha dichiarato l’attrice di Harry Potter.

Emma Watson non ha sempre creduto a chi diceva di essere “felicemente single”, ma si è dovuta ricredere. “Pensavo sempre ‘Questa è la solita tiritera a cui nessuno crede’. Mi ci è voluto molto tempo per imparare a stare sola, ma ora sono molto contenta di essere single. Anzi, io lo chiamo essere self-partened” che in italiano potremmo tradurre come “sono in coppia con me stessa”.

Emma Watson: “Essere single a 30 anni ha i suoi vantaggi”

Non è stato un percorso facile per la quasi 30enne Emma Watson, che però oggi si riscopre più forte.

Del resto, Emma non ha fatto mai mistero della sua impronta femminista: memorabile il discorso nella sede delle Nazioni Unite a New York sul femminismo che è diventato virale.

“Più ho parlato di femminismo e più mi sono resa conto che troppo spesso battersi per i diritti delle donne era diventato sinonimo di odiare gli uomini. Se c’è una cosa che so con certezza è che questo deve finire. Per la cronaca, il femminismo per definizione è la convinzione che uomini e donne debbano avere pari diritti e opportunità: è la teoria dell’uguaglianza tra i sessi – politica, economica e sociale”, queste le parole dell’attrice nel 2014.

785
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.