Coronavirus:
positivi 83.049
deceduti 13.915
guariti 18.278

Donna urina alcol senza bere: scoperta una nuova malattia

La singolare patologia è stata scoperta dall'università di Pittsburgh ed è stata descritta nella Annal of Internal Medicine

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 26 Feb. 2020 alle 19:37
1.8k
Immagine di copertina

Donna urina alcol senza bere: scoperta una nuova malattia

L’università di Pittsburgh, in Pennsylvania, ha scoperto una nuova malattia in una donna che urina alcol senza averne mai consumato.

La patologia, descritta nella Annal of Internal Medicine, ora ha un nome: sindrome urinaria dell’auto birrificio.

Vuole dimostrare che la terra è piatta: Mike Hughes si lancia con un razzo e muore

Secondo quanto ricostruito, la paziente 0 è una donna di 61 anni, che ha chiesto l’anonimato, la quale soffre di diabete e cirrosi epatica, motivo per cui le è stato consigliato un trapianto di fegato.

Durante le analisi, sono state trovate tracce di alcol nelle sue urine.

La donna, che ha sempre negato di aver bevuto alcolici, è stata dunque esclusa dalle liste d’attesa per il trapianto di fegato per abuso di alcol.

Ulteriori test, però, hanno avvalorato la tesi della donna dal momento che nel suo sangue non sono state trovate tracce di alcol.

Disorientati, i medici si sono rivolti a Kenichi Tamana, patologo del Medical Center Presbyterian Hospital della University of Pittsburgh in Pennsylvania.

L’esperto, dunque, ha scoperto che l’urina della donna conteneva lievito.

Questo è da ricercarsi, secondo Tamana, nel diabete della donna.

Essendoci un livello elevato di zucchero nelle urine, infatti, il lievito presente nella vescica fermenta gli zuccheri fino ad arrivare a produrre alcol.

Dopo la pubblicazione dello studio, il patologo è stato contattato tramite email da diverse persone, convinte di soffrire dello stesso disturbo.

Leggi anche:

Beve un bicchiere di urina al giorno: “Mi sento più felice e intelligente e sembro più giovane”

1.8k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.