Covid ultime 24h
casi +23.232
deceduti +853
tamponi +188.659
terapie intensive +6

Il curioso caso di una donna che piange lacrime di cristallo

La donna afferma di piangere fino a 50 "lacrime di cristallo" al giorno

Di Nicola Simonetti
Pubblicato il 24 Set. 2019 alle 19:39
43
Immagine di copertina
Credit: East2west News

Il curioso caso di una donna che piange lacrime di cristallo

I dottori stanno investigando lo strano caso di una donna che piange “lacrime di cristallo”.

Satenik Kazaryan, 22enne armena, piange fino a 50 “lacrime di cristallo” al giorno.

I grumi seghettati le rendono la vita un inferno, sembrando al tatto schegge di vetro che le perforano i bulbi oculari.

La giovane ha detto: “Ero dal dentista e mi è sembrato di avere della polvere negli occhi. Mi faceva male. Adesso ogni giorno è un inferno”.

All’inizio, le medicine sembravano fare effetto ma adesso le lacrime di cristallo si formano con più frequenza, ha spiegato Satenik al Mir24.tv.

“Tutti i dottori sono scioccati. Non hanno mai visto una malattia simile e non sanno come curarla. Non l’hanno neppure diagnosticata”.

Una parente della ragazza, Svetlana Avagyan, ha raccontato: “Quando abbiamo rimosso il primo cristallo, pensavamo che un pezzo di vetro le fosse andato nell’occhio mentre Satenik lavorava nella nostra fattoria”.

“Ma il dolore non è cessato e abbiamo cominciato a raccogliere sempre più cristalli dai suoi occhi. Perciò l’abbiamo portata da un dottore. All’inizio non ci credevano… nessuno qui ha mai visto niente del genere”.

Un medico ha persino intimato alla famiglia di andarsene, credendo che la ragazza stesse fingendo la propria condizione – ma adesso tutti credono che le sue lacrime siano vere.

Gli specialisti hanno mandato i cristalli al laboratorio per ulteriori analisi ma al momento non esiste una diagnosi.

Alcuni hanno suggerito a Satenik di recarsi all’estero per una diagnosi e una cura ma la sua famiglia è povera e lavorano come braccianti.

Il viceministro alla salute armeno Oganes Arutyunyan ha detto che il caso della donna è oggetto di un attento studio.

Ha detto: “Abbiamo in programma un altro incontro con Satenik per raccogliere più informazioni, dopodiché speriamo di capire cosa sta succedendo alla paziente”.

L’oftalmologa russa Tatyana Shilova ha detto che la condizione è inusuale ma non unica.

“Una tale patologia accade raramente, per cui i dottori potrebbero faticare a identificarne le cause”.

In alcuni casi – malattie genetiche o infiammatorie dell’occhio, ma anche del corpo in quanto tale – si possono verificare dei cambiamenti nella composizione delle lacrime.

“Una lacrima contiene proteine, grassi, micro-elementi, e ha una certa composizione ionica”.

“Se la concentrazione salina aumenta, ciò può alterare la cristallizzazione”.

“Le proteine nelle lacrime possono anche aumentare di densità”.

Ma Tatyana ha avvisato che le “lacrime di cristallo” potrebbero essere anche indice di altri problemi.

“I cristalli non appaiono solo dal lato della membrana mucosa dell’occhio – possono anche formarsi nel fegato, nei reni, e depositarsi sotto forma di sali negli organi. Questo è pericoloso e richiedere ulteriori accertamenti”.

Il caso di Satenik arriva dopo che un’insegnante di scuola materna ha rivelato una condizione simile in Brasile.

La maestra brasiliana ha detto: “Comincia a gonfiarsi, poi devo aprire l’occhio per estrarne la membrana. Quando si asciuga s’indurisce, diventa davvero dura. E fa male”.

Le malattie mentali illustrate dai mostri di Toby Allen

43
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.