Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Quel sapore di sessismo anni ’50 dell’ultimo spot di Diletta Leotta

Un giorno bisognerà che qualcuno si prenda del tempo e cerchi di comprendere con l’aiuto della scienza il fenomeno Diletta Leotta. Sì, è bona, gioca sulla sua sensualità, ammicca dai social a un certo pubblico, si occupa di sport, tutto quello che volete, ma l’aspetto enigmatico non è questo. Il vero enigma è: perché gestisce così male la sua carriera? E non è una questione di successo. Quello ce l’ha, ma è cosa fa, le scelte che fa e il percorso che ha intrapreso che lasciano sempre perplessi.

Programmi brutti, un Sanremo brutto, certa radio brutta, le interviste scialbe, utilizzo deprimente dei social e, soprattutto, delle pubblicità di una bruttezza astrale. In cui per giunta o non c’entra nulla col prodotto o c’entra ma recita sempre la parte della donnina sexy e niente più o le due cose insieme. Passi lei con l’abito da sera dietro alla forma di Parmigiano Reggiano venduto, ai tempi, così: “A fianco di casari, mucche e del territorio vedremo Diletta Leotta e Carlo Cracco”, che già. Passi lo spot Intimissimi con lei che sceglie le mutande per lui e quelle gag sceme davanti al camerino da cabaret anni ’90.

L’ultimo spot per le scarpe anti-infortunistiche però è davvero troppo. Roba che non avrebbe accettato neppure Karina Cascella in tempo di magra. A parte che sponsorizza LEI le scarpe infortunistiche con i tacchi che indossa sui campi da calcio, roba che ogni volta rischia di giocarsi il crociato più dell’attaccante alle sue spalle. A parte che non credo che le manchino le risorse economiche per dire qualche no. A parte che io non so chi la consigli, forse lo stesso che le aveva suggerito “la bellezza capita”, ma qui il vero dramma è lo spot.

Io l’ho guardato un paio di volte perché credevo di essere vittima di un abbaglio a mo’ di Tuareg nel deserto. Lei cammina con tubino attillato e tacchi alti (una veste inedita, pura avanguardia), dei tizi che stanno asfaltando la strada la notano e mentre il bitume fuma come fossimo a New York mentre siamo a Milano fiera, uno di loro già invaghito viene inquadrato in primo piano. Tra parentesi, lui ha più fondotinta di Malgioglio a Domenica Live, quindi sembra che più che dalla Leotta sia attirato dalla sua borsa.

Ma è in quel momento che c’è il colpo di scena, quello che nessuno di noi ha mai visto su uno schermo: passa una macchina su una pozzanghera e bagna la Leotta fin sopra capelli. Ergo le cose sono due: o la macchina era un fuoristrada e ha tagliato passando per la fontana o era un liquido caduto dall’alto di cui non vogliamo sapere la composizione. Ed è lì che il lavoratore con la scarpa infortunistica la soccorre, cedendole il suo giubbotto catarifrangente. Lei è già rapita dall’addetto alla manutenzione autostradale, e qui dunque lo spot si sposta dal genere romantico a quello fantascientifico, ma ahimè, lui sparisce come Scardina a inizio estate. Così, nel nulla.

A lei, come feticcio, rimane il giubbotto catarifrangente, cosa di cui in effetti ha bisogno perché le piace poco farsi notare. E nel finale lancia l’appello accorato: “Ragazzi, aiutatemi a trovare l’uomo U-power!”. Ora, a parte che se cerca ancora il tizio col fondotinta secondo me lo trova al Muccassassina appena riapre, ma la vera domanda è: perché esce dalla vasca da bagno e si infila un giubbotto catarifrangente? E soprattutto: perché per pubblicizzare delle scarpe anti-infortunistiche/abiti da lavoro con uno spot così brutto, con quella musichetta vintage da Dado Star, con quel sapore di sessismo anni ’50, deve infortunare, anzi, importunare, così gravemente noi spettatori?

Leggi anche: La bellezza capita, ma anche il dito sul telecomando per cambiare canale quando parla Diletta Leotta (di Max Deliso)
Ti potrebbe interessare
Costume / Preparare e spedire un pacco da casa con IoInvio il servizio di spedizione online di Poste Italiane
Costume / Trucchi per conciliare studio e lavoro
Costume / Buona befana 2022: le frasi per i vostri auguri per l’Epifania via WhatsApp
Ti potrebbe interessare
Costume / Preparare e spedire un pacco da casa con IoInvio il servizio di spedizione online di Poste Italiane
Costume / Trucchi per conciliare studio e lavoro
Costume / Buona befana 2022: le frasi per i vostri auguri per l’Epifania via WhatsApp
Costume / Buona befana 2022: frasi e immagini per i vostri auguri per l’Epifania
Costume / Chef stellato trasforma un panettone in un sandwich al formaggio: "Scusate italiani"
Costume / Buon anno nuovo 2022: frasi e pensieri carini da mandare via WhatsApp
Costume / Buon anno 2022: tante frasi e citazioni per i vostri auguri
Costume / Buon anno 2022: frasi d’autore da mandare ad amici e parenti per gli auguri
Costume / Buon anno 2022: le immagini per i vostri auguri
Costume / Buon anno 2022: frasi e immagini per i vostri auguri su WhatsApp