Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Un Decameron digitale per farci compagnia e aiutare i più colpiti dalla pandemia

Di Redazione TPI
Pubblicato il 30 Apr. 2020 alle 11:51 Aggiornato il 30 Apr. 2020 alle 11:56
59
Immagine di copertina

Coronavirus, un Decameron digitale per farci compagnia e aiutare i più colpiti dalla pandemia

Prendere un classico senza tempo e provare ad omaggiarlo, trovando parallelismi con il presente, estraendo la memoria del passato per trovare un rifugio emotivo in questo presente incerto. Il tutto per aiutare le persone più bisognose. È questa l’idea generata da Vincenzo, Greta, Gaetano e Michele, un gruppo di amici, che hanno deciso di chiedere aiuto a tutti quelli che volessero aiutarli per dare forma ad un progetto, il Digital Decameron, che avvicinasse spiritualmente le persone e potesse aiutarle concretamente.

Un azzardo, all’apparenza, creare un titolo che accosti l’opera di Boccaccio e il mondo digitale ma che ha invece funzionato da catalizzatore di idee e buoni propositi: storie che parlano d’amore, avventura, esotismo, realtà, speranza; storie innescate dalla condizione di quarantena, che funge da filo conduttore dell’intera opera. Ogni capitolo ha un suo autore, con il suo linguaggio e le sue sfumature. Storie da tutta Italia per tutta Italia, con persone da ogni estrazione e professione.

Una raccolta spontanea nata prima dal passaparola su Instagram e poi ,grazie alla tenacia e all’entusiasmo dei suoi creatori e catalizzatori, passata all’idea di prendere forma cartacea ed essere accompagnata da una veste grafica tailor-made, progettata su misura e ispirata dall’elemento che ha ispirato il racconto.

Infine è subentrato l’aspetto sociale concreto: distribuendo il libro attraverso una campagna crowdfunding i profitti saranno devoluti interamente in beneficenza alla Onlus Banco Alimentare, in una spesa solidale che rappresenti un contributo per aiutare le persone più colpite dalla crisi economica post pandemica.

A cura di Francesco Zanetti

Leggi anche:

1. “Covidstance – Distanza ma non distinzione”, fotoreportage dalla quarantena / 2. E se la pandemia ci avesse alzato il “QI”? Lo sapremo dai libri che verranno

59
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.