Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Costume

Costa Crociere: un’esperienza turistica incentrata sulla sostenibilità e la gastronomia

Immagine di copertina

Ormai fare una crociera è una vera e propria esperienza, che comprende sia le destinazioni visitate sia la vita a bordo. Costa Crociere, in particolare, ha deciso di presentare un nuovo modo di viaggiare basando le nuove proposte di crociere su tre elementi cardine: le escursioni, la sostenibilità e la gastronomia, al fine di creare un turismo ancora più di valore. In particolar modo, il food incontra la sostenibilità nel ristorante Archipelago, un luogo speciale dal design innovativo, dove è possibile deliziare le papille gustative grazie ad alcune proposte “stellate”.

Un nuovo modo di “fare vacanza”

L’obiettivo di Costa Crociere, per le nuove proposte di viaggi nel 2022, è quello di improntare il viaggio su un concept totalmente differente. Colui che si appresta a viaggiare con Costa, viene accompagnato nella visita delle diverse comunità e viene invitato a conoscere ed esplorare i luoghi non come un semplice turista ma come un vero viaggiatore. Le località toccate dalle crociere non vengono viste semplicemente come destinazioni turistiche, ma come vere e proprie escursioni, immersioni nelle tradizioni e nelle culture locali. Piano piano, inoltre, la compagnia sta aprendo le porte alla transizione ecologica, e da poco ha presentato la prima nave alimentata a gas naturale liquefatto. Insomma, si tratta di un approccio sostenibile che abbraccia diversi settori. Come già detto, però, l’offerta non prescinde dall’esperienza sensoriale che Costa Crociera permette di vivere a bordo delle sue navi. La proposta gastronomica, infatti, è totalmente rinnovata ed interessante.

Gli chef stellati

Per consentire ai turisti a bordo della crociera di immergersi in un’esperienza culinaria stellata, Costa Crociere si è affidata proprio ad un trio di chef stellati, ovvero Bruno Barbieri, Hélène Darroze e Ángel León. Barbieri è uno degli chef maggiormente apprezzati e conosciuti in Italia, insignito di ben 7 stelle Michelin, nonché noto personaggio televisivo e giudice di diversi programmi televisivi dedicati alla ristorazione e al cibo.  Hélène Darroze può vantare 5 stelle Michelin conquistate in una sola settimana, forte delle sue molteplici esperienze in diversi ristoranti tra la Francia ed il Regno Unito. Ángel León è invece lo “chef del mare”, con 3 stelle Michelin e vincitore del Premio Sostenibilità Michelin. Tutti i piatti proposti dagli rappresentano la sintesi delle ricette locali dei diversi luoghi che è possibile visitare in crociera. Ogni chef ha realizzato un “destination dish”, ovvero un piatto che prepara la mente (ed ovviamente il palato) al posto che si visiterà il giorno seguente, compreso nel prezzo e disponibile in tutte le tratte. Inoltre, è possibile degustare dei menu appositamente studiati dagli chef, dall’antipasto al dolce, presso il ristorante Archipelago (che al momento si trova solamente a bordo di Costa Smeralda).

 Il ristorante Archipelago

Come già detto, uno dei pilastri su cui si basano le è la sostenibilità. Pertanto, anche il ristorante che fa da teatro per i piatti degli chef stellati menzionati in precedenza, è studiato per rispondere a tale precetto. Infatti, gli ambienti del ristorante Archipelago, sono realizzati utilizzando anche dei rami portati a riva e levigati dalle onde del mare, recuperati dalla Costa Crociere Foundation durante le operazioni messe in atto al fine di salvaguardare e preservare l’ecosistema del mare. Tali rami, appositamente lavorati, donano al ristorante un’atmosfera molto raffinata e personale. Infatti, il concept del ristorante è ben intuibile dal nome: ciascun tavolo è una sorta di “isola”, che permette di vivere l’esperienza culinaria in privato. I menu proposti sono tre: ognuno è stato pensato ed ideato da ciascuno chef e comprendono 5 piatti tutti creati utilizzando prevalentemente materie prime di produttori locali, ed elaborate al fine di ridurre gli sprechi il più possibile.

Ti potrebbe interessare
Costume / Tradizione, sostenibilità e futuro: la ricetta del Consorzio del Prosciutto di San Daniele che compie 60 anni
Costume / I principali trend eCommerce del 2022 spiegati da Yeppon.it
Costume / L’influencer laureata in ingegneria aerospaziale: ecco chi è Alex Mucci
Ti potrebbe interessare
Costume / Tradizione, sostenibilità e futuro: la ricetta del Consorzio del Prosciutto di San Daniele che compie 60 anni
Costume / I principali trend eCommerce del 2022 spiegati da Yeppon.it
Costume / L’influencer laureata in ingegneria aerospaziale: ecco chi è Alex Mucci
Costume / Preventivo ristrutturazione: tutto quello che c’è da sapere
Costume / Dal RNG alla Roulette Online: gli algoritmi che controllano il gioco
Costume / “Impact Girl”, un nuovo media dedicato all’empowerment femminile
Costume / inTherapy: i percorsi di psicoterapia garantiti da Studi Cognitivi
Costume / Vestiti lunghi per capodanno: 5 idee a cui ispirarsi
Costume / #DONAREVALEQUANTOFARE – Il nuovo spot Cei sul sostegno alla missione dei preti
Costume / Il codice fiscale: come si calcola e quando serve