Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Costume

Lavoravo come consulente legale a Milano, poi ho detto basta: ora faccio il cooperante in Congo e sono più felice

Immagine di copertina
Guglielmo Rapino

Lettera a TPI: Guglielmo, abruzzese di 29 anni, racconta la sua storia di cambiamento e inversione di rotta. Consulente legale in uno studio internazionale milanese, decide di lasciare tutto per dedicarsi alla crescita sociale dei villaggi dell’area rurale di Lubumbashi, nella RD Congo, insieme ad Amka OdV. Insieme alla compagna Elena ha da poco lanciato una raccolta fondi per costruire una nuova ala didattica nella scuola del villaggio di Kanyaka

Esattamente cinque anni fa avevo meno occhiaie, un abbigliamento leggermente più elegante e una vita decisamente più confortevole. Facevo il consulente legale per uno studio internazionale a Milano e alternavo le giornate tra pc, riunioni e cenette costose sui Navigli.

Rincorrevo il flusso di un tempo già scritto lasciando che la vetrina dello status riempisse le ore spezzate da una frenesia leggera, placidamente steso su una corrente che dopo l’università mi aveva portato a scegliere la cosa più facile e ordinaria.

Guadagnavo uno stipendio con cui potevo fare quello che volevo e poche ore alla settimana per farlo. Avevo una “carriera brillante” davanti e la sensazione che quel brillio cambiasse poco o nulla sulla mia felicità. Trascorrevo ore e ore a preparare pratiche per arrivare puntualmente a fine mese con la sensazione intensa di non aver contributo al benessere di nessuno che ne avesse realmente bisogno.

Ricordo di aver rotto questo anello di routine per inseguire una sensazione confusa e necessaria. Ho cominciato a sentire il contatto della povertà sulla pelle, il ritmo dell’esigenza, l’odore della vita reale al di là delle copertine patinate.

Questa ricerca di fragilità mi ha portato a scegliere una vita sporca e intensa nel mezzo della campagna congolese, in un cammino di dignità al fianco di centinaia di persone. Guardo allora le pupille rilassate del me di cinque anni fa e ci trovo dentro un nugolo di domande a cui sto imparando a trovare risposte. Negli ultimi cinque anni ho imparato a vivere di senso in ogni azione della giornata.

O almeno ho imparato l’importanza di provarci sempre. Ho imparato a parlare con gli occhi nel silenzio degli sguardi e che esiste una lingua comune che non ha bisogno di essere pronunciata per farsi mezzo di comunicazione. Ho imparato che c’è più valore nelle mani ruvide e povere delle mamme nei campi che nelle pupille indifferenti di chi non ne ha mai viste un paio.

Ho imparato che lo sviluppo non si misura dal numero di iPhone in tasca ma dalla capacità di sentirsi intrecciati nelle vite di chi incontriamo, da ovunque queste provengano. Ho imparato ad essere papà, mamma e figlio di persone che avevo appena conosciuto. Ho imparato che al di là della strada battuta esiste una realtà enorme e misteriosa che va vissuta per rendere giustizia al tempo speso. E che da ogni singola scelta dipende il volto di quello che sarà dopo.

Oggi guardo indietro e mi rendo conto che uscire fuori da quell’abito scuro ha significato vivere di incertezze, contrasti, debolezze e speranze infrante. Anche sentirsi solo, a volte. Anche chiedersi perché.

Poi penso che in fondo a tutto questo c’è stato un viaggio immenso nella scoperta di senso. Un viaggio così profondo e limpido da non lasciare spazio al rimpianto, ma una sensazione intensa e leggera di giustizia appagata. Con buona pace delle occhiaie e dei capelli bianchi.

Elena ed io abbiamo da poco lanciato una nuova campagna di raccolta fondi per dotare la scuola di Kanyaka di due nuove aule polifunzionali in cui realizzare corsi di didattica inclusiva e paritaria, con l’aiuto di pedagoghi, artistə e formatori internazionali. È un nuovo passo nel percorso per offrire alle nuove generazioni strumenti di qualità con cui emanciparsi dal giogo della necessità, che in queste terre significa lavoro in miniera a condizioni disumane.

Abbiamo bisogno di 5.000 euro per realizzare questo nuovo sogno di empatia. È un traguardo che sappiamo essere enorme per le nostre possibilità. Ci proviamo lo stesso, credendo ancora una volta nel potere dirompente che la collaborazione sa creare.

“Insieme” è la parola che rappresenta l’unica spinta capace di realizzare questo nuovo capitolo nella storia di una cooperazione tanto necessaria quanto giusta. Ogni donazione e condivisione è un aiuto enorme per rendere possibile questa utopia, lì dove si è persa l'abitudine a sognare.

Se puoi, dona o condividi ora: ecco il link. Elena ed io resteremo in Congo per l’intero periodo dei lavori così da monitorarne ogni passaggio e raccontarne l’impatto a chi vorrà ascoltarne la storia. In fondo, Elena ed io siamo felici di aver stravolto le nostre vite per scoprirne un’anima nuova fatta di empatia semplice e accesa.

E ora non vediamo l’ora di poter stravolgere anche quella degli studenti che incontriamo nel nostro cammino, scoprendo le possibilità che solo una istruzione di qualità sa creare. Grazie sin d’ora a chi vorrà essere parte del nostro sogno di speranza.
Guglielmo Rapino

Ti potrebbe interessare
Costume / Mahmood, gaffe in Sardegna con le fan che gli chiedono un selfie
Costume / Cosa controllare prima di noleggiare un’auto usata
Costume / Pascale – Berlusconi, l’accordo milionario dopo la separazione
Ti potrebbe interessare
Costume / Mahmood, gaffe in Sardegna con le fan che gli chiedono un selfie
Costume / Cosa controllare prima di noleggiare un’auto usata
Costume / Pascale – Berlusconi, l’accordo milionario dopo la separazione
Costume / “Non riesco neanche a parlare dalla goduria”: Michelle Hunziker in estasi per la pizza di Flavio Briatore
Costume / Come scegliere i migliori integratori anti-età per la propria pelle
Costume / Francesca Pascale e Paola Turci si sposano oggi: i dettagli del matrimonio
Costume / “Essere Gerry Scotti fa sco**re di più?”: la sorprendente risposta del conduttore alla domanda di Fedez
Costume / Ferragnez, polemiche per gli accappatoi di Versace di Leone e Vittoria: ecco quanto costano
Costume / Russia, gli ex fast food McDonald’s ora si chiamano Vkousno i totchka: “Delizioso e basta”
Costume / 2 giugno 2022, le immagini da inviare per gli auguri su WhatsApp