Covid ultime 24h
casi +24.099
deceduti +814
tamponi +212.714
terapie intensive -30

Da Max Pezzali a Gerry Scotti e Maria De Filippi: l’asta dei vip di Pavia contro il Coronavirus

Di Franco Bagnasco
Pubblicato il 17 Apr. 2020 alle 12:48 Aggiornato il 17 Apr. 2020 alle 12:49
94

L’asta delle star pavesi contro il Covid-19

Lo spettacolo langue e cerca di arrabattarsi, fra polemiche e primi slanci di solidarietà. Che arrivano proprio dalla provatissima Lombardia. Dopo Tiziano Ferro e Vasco Rossi (che hanno chiesto maggiore chiarezza al Governo in materia di concerti bloccati o annullati; esternazioni che hanno ricevuto anche non poche critiche per la loro presunta insensibilità), altre star ieri sera si sono mosse: come Laura Pausini e Giorgio Panariello. Entrambi gli artisti, che lavorano con l’agenzia Friends & Partners, hanno letto sui loro social una sorta di comunicato nel quale si spostano i riflettori sui problemi gravi dei tanti lavoratori dietro le quinte dei live, penalizzati dall’emergenza Coronavirus. Invitando le autorità a provvedere a farsi carico di sussidi salariali e contributivi per tutto il periodo del loro mancato lavoro, che sarà lunghissimo.

Intanto si muove la macchina della beneficienza. E lo fa da un centro che è accanto alle zone lombarde più colpite e che risulta in prima linea per la lotta a Covid-19, visto che ospita anche il Policlinico San Matteo. L’asta solidale on-line “Pavia respira!”, promossa da due giornaliste della città lombarda, Lara Vecchio e Raffaella Costa, domani, sabato 18 aprile, vedrà scendere in campo (fra gli altri) quattro noti personaggi della scena nazionale originari del Pavese: si tratta di Max Pezzali, Drupi, Gerry Scotti e Maria De Filippi. Pezzali ha messo a disposizione il suo giubbotto Harley Davidson “di fine Anni 90, primi 2000 col quale ho girato l’Europa in motocicletta in questi anni. È vintage ma in ottime condizioni”, precisa l’ex 883. Base d’asta 800 euro. Molto generoso anche Giampiero Anelli, in arte Drupi, che ha donato la chitarra con cui ha registrato 10 anni fa in America, con uno stuolo di musicisti internazionali, il Best Of contenente “Piccola e fragile”. Base d’asta 300 euro. Stessa cifra da cui dovrà partire chi si vorrà aggiudicare la maglia del Milan con dedica personalizzata che ricevette in dono Gerry Scotti, e il pensiero minimal della regina della tv, Maria De Filippi. La conduttrice ha messo a disposizione due biglietti per la finale di “Amici 2021”. Dando per scontato che la prossima edizione del programma avrà pubblico in studio, naturalmente. E questo ce lo auguriamo tutti. Quanto a generosità i cantanti battono i presentatori, al momento, ma non è il caso di fare graduatorie. L’importante è darsi da fare.

L’asta (rilanci fra 1 e 1.000 euro per ogni lotto) si terrà in due tempi domani, sabato 18 aprile, collegandosi al sito: paviarespira.notariato.it La prima fase la mattina, dalle 9 alle 12. La seconda al pomeriggio, dalle 15 alle 18. Seguendo le istruzioni e identificandosi per fare le proprie offerte. Il 70% degli introiti sarà devoluto proprio al Policlinico San Matteo di Pavia; il restante 30% alla Croce verde pavese. Gli oggetti (complessivamente 60, tra questi anche un’opera di Marco Lodola e il pallone della finale della Champions League 2010 donato da Marco Civoli) saranno poi consegnati agli aggiudicatari durante un galà che si terrà al termine delle restrizioni da Coronavirus.

Max Pezzali intanto guarda con preoccupazione alle due date del suo concerto a San Siro (Milano), il 10 e 11 luglio. Un maxi-karaoke che dovrebbe vedere anche la presenza una tantum del suo ex socio Mauro Repetto. “Ufficialmente a oggi non sono state ancora cancellate” conferma a TPI il suo agente, Claudio Cecchetto. “Ma è chiaro che tutti a questo punto ce l’aspettiamo. Negli stadi comanda il calcio, e se dobbiamo restare a quanto sta accadendo lì, non vedo altri sbocchi. Certo trattandosi di una questione complessa e con grandi interessi economici dietro, aspetteranno probilmente sino all’ultimo”.

Leggi anche: 1. Coronavirus, “Ecco come cambieranno i concerti, i cinema e i teatri” / 2. Tiziano Ferro: “Abbiamo bisogno di risposte certe sui concerti”. Polemica sui social

94
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.