Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

WWF: il 10 agosto è la Giornata Mondiale del Leone. 10 cose da sapere sul re della Savana

Immagine di copertina
Credit: Karin Leperi

Potente, maestoso e molto socievole, il leone è una delle specie più iconiche in assoluto ma ci sono alcune cose che non tutti sanno su questo maestoso felino. Il 10 agosto si celebra la Giornata mondiale del leone e il WWF ha deciso di raccontare le 10 cose da sapere su questo straordinario animale. Riceviamo e pubblichiamo il comunicato.

1. NON SOLO IN AFRICA. La maggior parte dei leoni vive in Africa, al di là del deserto del Sahara, ma esiste anche una piccola popolazione di leoni asiatici che sopravvive in India, nel Parco Nazionale di Sasan-Gir
2. I PICCOLI NASCONO MACULATI. I piccoli di leone alla nascita hanno delle piccole macchioline sulla pelliccia, che poi scompariranno via via che diventano adulti. Queste macchioline sono molto importanti: grazie a loro i cuccioli possono nascondersi meglio nella vegetazione mentre la mamma è a caccia.
3. IL PESO DEI LEONI. I leoni maschi possono pesare fino a 190 chili e le femmine fino a le femmine fino a 130, ma non è tutta ciccia! Questa potenza e questo peso servono a loro per poter cacciare prede anche molto grandi e per difendere meglio il branco.
4. OGNI CRINIERA HA UNA STORIA. Le criniere dei leoni hanno tutte una storia: più il leone invecchia e più le criniere diventano folte, scure e lunghe, un vero simbolo di potere che piace tanto alle femmine. Ma le criniere servono anche a proteggere i leoni durante i combattimenti, dai morsi e dai graffi.
5. L’ALLEVAMENTO DEI PICCOLI. I cuccioli di leone vengono cresciuti da un vero e proprio “team. Il branco è costituito da un maschio adulto, da alcune femmine imparentate, con i loro cuccioli, e da altri maschi che servono a proteggere il branco. L’aspetto bello è che le mamme di leone allevano i piccoli tutte insieme e se un cucciolo ha bisogno di latte può andare da qualunque femmina che lo abbia.
6. POSSONO DISSETARSI DALLE PIANTE. Questi grandi carnivori si sono abituati nel tempo a vivere in luoghi dalle condizioni anche molto difficili, come il deserto del Kalhari. In questi posti, quando hanno fame e particolarmente sete, possono dissetarsi con le zucche del deserto.
7. SONO GRANDI MANGIATORI. In un solo pasto i leoni possono arrivare a mangiare fino a 40 chili di carne, quasi l’equivalente ad 1/4 del loro peso corporeo, la loro lingua è ricoperta di papille appuntite e affilate, che servono per raschiare via la carne dalle ossa.
8. CACCIANO DURANTE LE TEMPESTE. Ai leoni piace cacciare di notte, al buio, perché i loro occhi si sono adattati a vedere nell’oscurità e questo dà loro un vantaggio competitivo sulle prede. Una cosa interessante è che questi felini non disdegnano cacciare durante le tempeste, perché vento e frastuono portano via i loro odori e rumori, rendendo la caccia più efficace.
9. RUGGISCONO ALL’UNISONO. I leoni sono gli unici felini che ruggiscono all’unisono. Il ruggito serve a socializzare ma anche a marcare il territorio, perché può essere sentito fino a 8 chilometri di distanza. Anche i piccoli si uniscono al ruggito del branco, facendo del loro meglio per fare parte del coro.
10. NON RESTANO MOLTI LEONI IN AFRICA. Purtroppo dall’inizio del secolo scorso abbiamo perso il 90% della popolazione di leoni che viveva in Africa. A minacciarli sono soprattutto il bracconaggio, il fatto che i leoni vengano uccisi per proteggere il bestiame allevato dall’uomo, ma anche la scomparsa di habitat e prede naturali. Il WWF sta facendo il possibile per il futuro dei leoni in questo continente, proteggendo il loro habitat e i corridoi di spostamento, studiando e monitorando i branchi, ma soprattutto lavorando con le comunità locali al fine di trovare le soluzioni migliori per una convivenza possibile con questo grande predatore. Ognuno di noi può aiutare il WWF a salvare i leoni sostenendo la campagna SOS Leone>>

Ti potrebbe interessare
Ambiente / I guardiani della Terra: reportage da Torino con gli attivisti del clima
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Ti potrebbe interessare
Ambiente / I guardiani della Terra: reportage da Torino con gli attivisti del clima
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Ambiente / Strage di squali all’Elba per mano di pescatori
Ambiente / In 60 anni foreste diminuite del 60% a persona: oggi mezzo ettaro a testa
Ambiente / Greta non si presenta al summit Fridays for Future a Torino. C’è chi parla di “De-Gretizzazione” del movimento
Ambiente / A Torino il meeting europeo dei Fridays for Future con Greta Thunberg
Ambiente / Gli iceberg della Groenlandia hanno perso 6 miliardi di tonnellate d’acqua al giorno
Ambiente / Incendi, continua l’emergenza: in fiamme il Carso e la Versilia. Atene, brucia la periferia nord: 12 feriti
Ambiente / Marmolada: si è formato nuovo grande crepaccio di 200 metri