Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:20
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

Il video del crollo di una parte del ghiacciaio argentino Perito Moreno

Immagine di copertina
Il ponte di ghiaccio del ghiacciaio Perito Moreno. Credit: account Twitter Parques Nacionales

L'evento non è causato dal riscaldamento globale, ma dall'avanzamento naturale del ghiacciaio verso la sponda del fiume

Il ghiacciaio Perito Moreno si trova nel parco nazionale Los Glaciares, situato nella parte sud-occidentale della provincia di Santa Cruz, in Argentina.

S&D

Migliaia di turisti ogni anno si recano sul posto per vedere il ghiacciaio che si estende per 30 chilometri di lunghezza, grazie anche allo spettacolare ponte di ghiaccio che si è creato, a causa dell’erosione dell’acqua, tra il fronte del ghiacciaio e la sponda del fiume stesso.

ghiacciaio
Il ponte di ghiaccio del ghiacciaio Perito Moreno. Credit: account Twitter Parques Nacionales

La particolarità del Perito Moreno è che si tratta di un ghiacciaio in movimento, e avanza verso l’altra sponda del lago Argentino, dove si trova una piccola penisola chiamata Penisola de Magallanes.

Il ponte di ghiaccio tra il fronte del ghiacciaio e la Penisola de Magallanes crolla ogni 2-4 anni, a causa della pressione dei ghiacci in avanzamento, anche se il ciclo di rottura non è regolare e può ricorrere a frequenze diverse, che variano da due volte l’anno fino ad anche meno di una volta per decennio.

ghiacciaio
La spiegazione della rottura del ponte di ghiaccio del ghiacciaio Perito Moreno. Credit: account Twitter Parques Naturales

Per questo motivo l’evento è raro e attesissimo. L’ultimo crollo è avvenuto tra sabato 10 e domenica 11 marzo 2018.

La rottura del ponte di ghiaccio è stata documentata nel dettaglio dall’istituto Parques Naturales de Argentina, che ha poi diffuso le immagini e i video dell’impressionante crollo del ghiacciaio.

Ecco i video della rottura del ponte di ghiaccio del ghiacciaio Perito Moreno condivisi dall’account Twitter Parques Nacionales:

Cosa resta dei ghiacciai | La coppia svizzera ritrovata dopo 75 anni in un ghiacciaio

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Generali apre alla comunità l’Oasi Gregoriana affiliata al WWF, un’area naturalistica e agricola ricca di biodiversità
Ambiente / Giornata della Terra: WWF e Inter portano in campo “th3 Ext1nction Numb3rs” nel derby di Milano
Ambiente / Rapporto su stato del Clima: Europa in allarme rosso. WWF: è il momento di accelerare l’uscita dai combustibili fossili
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Generali apre alla comunità l’Oasi Gregoriana affiliata al WWF, un’area naturalistica e agricola ricca di biodiversità
Ambiente / Giornata della Terra: WWF e Inter portano in campo “th3 Ext1nction Numb3rs” nel derby di Milano
Ambiente / Rapporto su stato del Clima: Europa in allarme rosso. WWF: è il momento di accelerare l’uscita dai combustibili fossili
Ambiente / Earth Day Med: a Palermo il primo Festival del clima nel Mediterraneo
Ambiente / Luce per la casa: con la fine del mercato tutelato occhi puntati sulle offerte attente all’ambiente
Ambiente / “In Italia non c’è giustizia per l’Ambiente, così rischiamo il collasso”
Ambiente / La classifica delle città italiane con il miglior clima: prima Bari, ultima Belluno
Ambiente / L’appello del WWF: un sì per la Nature Restoration Law
Ambiente / Come far decollare la decarbonizzazione: così il settore aeroportuale si sta rinnovando per ridurre le emissioni
Ambiente / Mark Carney premiato a Firenze con il Renewed Humanism Award: “Accelerare la transizione energetica”