Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

Esclusivo – Amata dai giovani, temuta dai potenti: i miei tre giorni con Greta Thunberg

Immagine di copertina

Ha fondato il movimento ambientalista più seguito dai giovani. È la paladina del clima, sempre in prima linea. Ma ora sogna una vita dietro le quinte. Sul quarto numero del settimanale The Post Internazionale il racconto della giornalista italiana che ha passato tre giorni con lei a Milano

Siamo a Milano. Greta è qui per la pre-Cop, una manifestazione di due giorni volta a fissare gli obiettivi in vista della Cop 26, che si terrà a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre. Colgo l’occasione per farle una domanda. “Perché il Youth4Climate è importante?”. “Non lo è”, mi risponde. “Però alla fine hai deciso di venire ugualmente”, rilancio. “Mi hanno invitata ed era l’occasione per portare avanti le nostre richieste e battaglie, magari può servire, ma non è detto”. Anche alle altre domande – sulle politiche ambientali in Europa, sugli obiettivi prioritari della Cop26 – oppone risposte telegrafiche e un velo di ostilità, come quando dice che “non basta chiamarsi “verdi” per essere ambientalisti” in riferimento ai recenti risultati delle elezioni in Germania.

Non ama la stampa, Greta, e il “media team” che gestisce le richieste stampa raramente risponde con un “Sì”. Anche per questo motivo partecipa il meno possibile a eventi e conferenze. Prima di accettare l’invito alla Youth4Climate ha esitato a lungo, mi raccontano alcuni attivisti di Fridays For Future, decidendosi infine a venire “solo perché sa che se c’è lei l’attenzione mediatica e istituzionale è molto maggiore”. E su questo di certo non si sbaglia. Una popolarità, quella di Greta, che la mette sul piano dei grandi della Terra: 13 milioni di follower su Instagram, più volte sussurrata vincitrice del Premio Nobel per la Pace, Greta è un’icona. Eppure dopo un primo colloquio con lei penso che me la sarei aspettata più incisiva…

Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI, clicca qui.

Chiara Piotto, giornalista di Sky TG24, ha seguito la Youth4Climate per il canale.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Mufloni del Giglio, LAV e WWF: “Ottimi risultati della loro salvezza con catture e trasferimenti”
Ambiente / Olocausto climatico: così il riscaldamento globale rischia di far scomparire le più grandi foreste del mondo
Ambiente / I guardiani della Terra: reportage da Torino con gli attivisti del clima
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Mufloni del Giglio, LAV e WWF: “Ottimi risultati della loro salvezza con catture e trasferimenti”
Ambiente / Olocausto climatico: così il riscaldamento globale rischia di far scomparire le più grandi foreste del mondo
Ambiente / I guardiani della Terra: reportage da Torino con gli attivisti del clima
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Ambiente / Strage di squali all’Elba per mano di pescatori
Ambiente / In 60 anni foreste diminuite del 60% a persona: oggi mezzo ettaro a testa
Ambiente / Greta non si presenta al summit Fridays for Future a Torino. C’è chi parla di “De-Gretizzazione” del movimento
Ambiente / A Torino il meeting europeo dei Fridays for Future con Greta Thunberg
Ambiente / Gli iceberg della Groenlandia hanno perso 6 miliardi di tonnellate d’acqua al giorno