Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:05
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Nobre, premio Nobel per la Pace, a TPI: “Salvare l’Amazzonia, o non ci sarà più un pianeta abitabile”

Il brasiliano Carlos Alfonso Nobre, climatologo e premio Nobel per la pace 2007, ha risposto alle domande di TPI sul futuro della foresta amazzonica

Il premio Nobel Nobre: “Salvare l’Amazzonia, o non ci sarà più un pianeta”

Il brasiliano Carlos Alfonso Nobre, climatologo e premio Nobel per la pace 2007, uno dei massimi esperti di riscaldamento globale che studia l’Amazzonia da 40 anni è intervenuto alla conferenza stampa ‘Impatto della deforestazione dell’Amazzonia sui
cambiamenti climatici’, con Angelo Bonelli dei Verdi.

Lo scienziato ha ricordato che l’Amazzonia è il cuore ecologico del pianeta, con un’immensa socio e bio-diversità. Ma, denuncia, “siamo molto vicini al collasso della Foresta amazzonica, la scienza lo dice con assoluto rigore”.

L’Amazzonia, grazie alla sua foresta, ha ricordato il premio Nobel “immagazzina un’enorme quantità di anidride carbonica. Se non ci fosse la Foresta amazzonica il riscaldamento globale sarebbe ancora più veloce e drammatico. Dobbiamo cambiare il nostro modo di vivere e ridurre drasticamente la produzione di anidride carbonica”.

TPI lo ha intervistato sulle sorti della foresta Amazzonica.

Qual è il futuro dell’Amazzonia?

Il futuro dell’amazzonia è fortemente a rischio, siamo molto vicini a un punto di non ritorno in cui il 70 % della foresta si trasformerà in arida savana, e non siamo lontani tra i 15 e 30 anni non potremo più invertire questo processo, con un innalzamento della temperatura.

Qual è la situazione per gli animali adesso nella foresta amazzonica?

Potremmo perdere un numero enorme di speci animali indigene che probabilmente neanche vengono considerate dalla scienza perché specifiche e legate solo a una piccola zona dell’Amazzonia. Ma stiamo mettendo a rischio anche specie animali molto conosciute come i giaguari, che sono ormai scomparso in Amazzonia. Stiamo davvero mettendo migliaia e miglia di animali a rischio estinzione.

Questa è la nostra ultima possibilità?

Sia da un punto di vista del riscaldamento globale, che per quanto riguarda l’amazzonia abbiamo davvero poco tempo: è la nostra ultima possibilità. Potremmo tra poco avere un pianeta inabitabile per il prossimo secolo. Questo scenario è terribile: potrebbe capitare di non poter uscire fuori di casa per le condizioni dell’inquinamento e la foresta Amazzonica scomparirà per oltre il 70 per cento della sua estensione per sempre.

L’Amazzonia brucia: ecco perché la pioggia non spegne gli incendi nella foresta pluviale

Anche l’Europa e l’Italia sono responsabili della deforestazione dell’Amazzonia: ecco perché

Che fare? Si domanda lo scienziato.

“Le tecnologie  – spiega – possono aiutare a trovare soluzioni, se non vengono utilizzate per lo sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali”. La tecnologia può dare più potere alle popolazioni, “grazie alla bioeconomia, ad un nuovo modello di economia sostenibile, decentrata, sostenuta da energia proveniente da fonti rinnovabili, che rispettino la qualità di vita delle comunità. Perché l’Amazzonia possa continuare ad essere la foresta che è da 30 milioni di anni”.

Incendi in Amazzonia: le toccanti foto dei pompieri che piangono di gioia per l’arrivo della pioggia

Incendi in Amazzonia: 7 piccoli gesti quotidiani per aiutare la foresta in fiamme

Ti potrebbe interessare
Ambiente / La transizione ecologica? Dipende da quanto le aziende italiane sapranno digitalizzarsi
Ambiente / L’asse terrestre si è spostato per colpa della crisi climatica e dello scioglimento dei ghiacciai
Ambiente / È inutile istituire la Giornata della Terra se in realtà ce ne freghiamo (di B. Di Giacomo)
Ti potrebbe interessare
Ambiente / La transizione ecologica? Dipende da quanto le aziende italiane sapranno digitalizzarsi
Ambiente / L’asse terrestre si è spostato per colpa della crisi climatica e dello scioglimento dei ghiacciai
Ambiente / È inutile istituire la Giornata della Terra se in realtà ce ne freghiamo (di B. Di Giacomo)
Ambiente / Si è sciolto l’iceberg più grande del mondo
Ambiente / Giappone, l'acqua radioattiva di Fukushima sarà sversata in mare
Ambiente / Greta Thunberg diserta la Conferenza sul Clima: "Va rinviata, il nazionalismo dei vaccini non risolve niente"
Ambiente / Global Power Plus e Arbolia: accordo per la piantumazione di 2.000 alberi nel Veneto
Ambiente / “Entro il 2100 il mare sommergerà parte delle coste della Sicilia sud-orientale”
Ambiente / Sorpresa: sulla raccolta differenziata l'Italia è sopra la media europea
Ambiente / Snam e Mubadala: accordo sullo sviluppo dell’idrogeno negli Emirati Arabi Uniti