Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

La plastica costituisce il 99 per cento dei rifiuti del Mediterraneo

Immagine di copertina
Credit: Ocean Cleanup Foundation

I rifiuti più comuni, circa il 72, per cento sono classificati come pezzi di plastica non identificabili, seguiti da teli e fogli in plastica che costituiscono invece il 7,4 per cento della spazzatura che si trova nelle nostre acque.

La plastica costituisce il 99 per cento dei rifiuti del Mediterraneo

La plastica costituisce il 99 per cento dei rifiuti che si trovano nel mar Mediterraneo. I rifiuti più comuni, circa il 72%, sono classificati come pezzi di plastica non identificabili, seguiti da teli e fogli in plastica che costituiscono, invece, il 7,4 per cento della spazzatura che si trova nelle nostre acque.

Al terzo posto ci sono le buste di plastica (circa il 6,5 per cento dei rifiuti complessivi), mentre una percentuale di rifiuti intorno al 5,95 è costituita dalle cassette in polistirolo. Le bottiglie di plastica rappresentano il 2,1 per cento dell’immondizia, e la stessa quota percentuale è attribuibile anche a reti e fili di plastica. Un 1,5 per cento di rifiuti comprende invece gli agglomerati di materiale plastico ed organico, mentre un ultimo 0,9 per cento è costituito da tappi e coperchi di plastica (0,9 per cento).

I dati sono il risultato dei monitoraggi sui rifiuti galleggianti effettuati dall’Università di Siena nel Santuario Pelagos, l’area marina protetta tra le coste francesi e italiane, in cui la media di rifiuti galleggianti è di 194 per kmq.

“Il problema dei rifiuti in mare rappresenta una delle sfide più complesse del Mediterraneo non parliamo solo di un problema ambientale legato agli enormi danni alla biodiversità e all’ecosistema ma anche di un problema economico, che ha ripercussioni sulle attività produttive. Per affrontare questa emergenza è necessario da un lato acquisire nuove conoscenze e dall’altro sostenere processi decisionali di prevenzione e gestione sulla terraferma”, afferma la vicedirettrice di Legambiente Serena Carpentieri.

10 centesimi per ogni bottiglia di plastica riciclata: fare la raccolta differenziata da oggi conviene di più

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Nuovo mag-book per ReWriters: Silvia Peppoloni, la massima esperta mondiale di Geoetica, raduna 13 contributors stellari per riscrivere le regole del Pianeta
Ambiente / La transizione ecologica? Dipende da quanto le aziende italiane sapranno digitalizzarsi
Ambiente / L’asse terrestre si è spostato per colpa della crisi climatica e dello scioglimento dei ghiacciai
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Nuovo mag-book per ReWriters: Silvia Peppoloni, la massima esperta mondiale di Geoetica, raduna 13 contributors stellari per riscrivere le regole del Pianeta
Ambiente / La transizione ecologica? Dipende da quanto le aziende italiane sapranno digitalizzarsi
Ambiente / L’asse terrestre si è spostato per colpa della crisi climatica e dello scioglimento dei ghiacciai
Ambiente / È inutile istituire la Giornata della Terra se in realtà ce ne freghiamo (di B. Di Giacomo)
Ambiente / Si è sciolto l’iceberg più grande del mondo
Ambiente / Giappone, l'acqua radioattiva di Fukushima sarà sversata in mare
Ambiente / Greta Thunberg diserta la Conferenza sul Clima: "Va rinviata, il nazionalismo dei vaccini non risolve niente"
Ambiente / Global Power Plus e Arbolia: accordo per la piantumazione di 2.000 alberi nel Veneto
Ambiente / “Entro il 2100 il mare sommergerà parte delle coste della Sicilia sud-orientale”
Ambiente / Sorpresa: sulla raccolta differenziata l'Italia è sopra la media europea