Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Perché nevica al sud Italia e non al nord

Immagine di copertina

Perché nevica al sud Italia e non al nord? Una domanda non banale, dovuta al fatto che ormai è “prassi” che le ondate di maltempo che, da inizio dicembre, stanno colpendo l’Italia stiano portando al sud violente nevicate.

È accaduto a dicembre e, di nuovo, a gennaio. Abruzzo, Molise, Basilicata, Campania e Puglia sono state le regioni maggiormente colpite, con fitte nevicate addirittura nel Tarantino e nel Salento. Colpa del cambiamento climatico? Non proprio. O meglio: non direttamente.

Che le nevicate degli ultimi anni siano da collegare ai cambiamenti climatici è scontato. Ma non il fatto che la neve colpisca soprattutto il sud.

La neve al sud, infatti, è un fenomeno assolutamente normale guardando la connotazione geografica e orografica della nostra Penisola: l’Italia è un territorio ricco di rilievi che fanno del nostro Paese un’area perfetta per il verificarsi di nevicate.

Le regioni italiane settentrionali sono però protette dalle Alpi, mentre quelle del sud sono, invece, più esposte alle irruzioni gelide dal Circolo Polare Artico.

L’Italia è infatti uno “stivale obliquo”: Abruzzo, Molise e soprattutto la Puglia non godono della protezione dell’arco alpino. Ogni ondata di maltempo e gelo da nord, quindi, colpisce il Meridione in pieno. Le nevicate nel nord Italia sono invece portate da irruzioni da ovest e da est.

Ecco spiegato perché non c’è da allarmarsi per le nevicate al sud e perché queste non vanno considerate come “incredibili”. Il problema è, invece, l’aumento di queste nevicate e lo sbalzo termico che ormai da anni sta colpendo l’Italia, più in generale l’Europa e, di fatto, l’intero emisfero.

In base agli ultimi dati dell’Intergovernamental Panel on Climate Change, i dati combinati della temperatura media globale della superficie della terra e dell’oceano indicano un riscaldamento medio di 0.85 gradi centigradi tra il 1880 e il 2012.

Nel 2014 si è raggiunto il record della temperatura media globale. L’allarme è particolarmente grave per l’Italia, che si sta scaldando più velocemente della media globale e di altre terre emerse del pianeta. Il nuovo record italiano raggiunto nel 2014 è stato di +1.45 gradi rispetto al trentennio 1971-2000.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / WWF, il primo Climate Wall per “metterci la faccia” contro la crisi climatica
Ambiente / Clima, l’appello di Draghi ai leader mondiali: “Bisogna agire subito, non c’è più tempo”
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Ti potrebbe interessare
Ambiente / WWF, il primo Climate Wall per “metterci la faccia” contro la crisi climatica
Ambiente / Clima, l’appello di Draghi ai leader mondiali: “Bisogna agire subito, non c’è più tempo”
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Ambiente / Crisi climatica: negli ultimi 40 anni sono raddoppiati i giorni con temperature superiori a 50°
Ambiente / Record di attivisti ambientali uccisi nel 2020: morti per difendere il Pianeta
Ambiente / Emergenza rifiuti: “Tra un anno e mezzo le discariche del Sud saranno piene”
Ambiente / L’inquinamento uccide più del fumo, degli incidenti stradali e delle guerre: toglie due anni di vita
Ambiente / Le università di Berlino bandiscono la carne dalla mense: “È una scelta rispettosa per il clima”
Ambiente / L’incoerenza dei fondi green: tra gli investitori ci sono le grandi società inquinanti
Ambiente / Un miliardo di bambini è esposto a rischi “estremamente alti” per la crisi climatica