Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:37
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Il ghiaccio dell’Himalaya si sta sciogliendo. Gli accordi di Parigi non bastano contro l’emergenza climatica

Immagine di copertina

Il ghiaccio dell’Himalaya e il suo scioglimento

L’emergenza clima è reale: anche i monumentali ghiacciai dell’Himalaya si stanno sciogliendo (e neanche troppo lentamente).

È il risultato sottolineato dal report, pubblicato questa settimana, intitolato Hindu Kush Himalaya Assessment: Climate Change, Sustainability e People , uno degli studi più riconosciuti scientificamente a livello mondiale sul riscaldamento del pianeta.

Il report fa riferimento allo scioglimento del ghiaccio sulle montagne più alte del mondo tra cui l’Everest e il K2. Le previsioni sono allarmanti: almeno un terzo dei ghiacciai della regione si scioglierà entro il 2100, anche nel caso in cui si dovessero raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi sul clima.

> LEGGI ANCHE: L’allarme degli scienziati. “Pianeta a rischio entro il 2030”

Il direttore generale di Icimod, il Centro internazionale per lo sviluppo integrato delle montagne che ha redatto il report,  David James Molden, afferma: “Le montagne si stanno riscaldando più velocemente delle medie globali. Anche se potessimo limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius, le temperature montane aumenterebbero di oltre 2 gradi Celsius e, se le tendenze attuali continueranno, le temperature potrebbero salire di 4-6 gradi Celsius entro il 2100. Ciò porterebbe a conseguenze nefaste non solo sui ghiacciai, ma su cibo, energia ed ecosistemi, con cambiamenti dei flussi idrici e maggiori rischi di disastri”.

L’impatto dello scioglimento dei ghiacciai dell’Himalaya sarebbe immenso: in primo luogo dal punto di vista delle specie presenti, la catena montuosa è infatti sede di quattro punti caldi della biodiversità, 330 importanti zone di uccelli e centinaia di cime oltre i seimila metri.

Poi, la perdita di ghiaccio himalayano avrebbe conseguenze gravissime per le persone che vivono nelle montagne e nei paesi a valle. L’acqua è una risorsa per migliaia di persone del territorio.

Nel report si legge: “Le ondate di calore brutali stanno diventando insopportabili, rendendo le persone più malate e più povere e riducendo gli standard di vita di 800 milioni di persone. La copertura nevosa si sta restringendo nei villaggi di montagna e le precipitazioni piovose sono meno prevedibili. La terra fertile usata una volta per coltivare le verdure è diventata sterile”.

Gli accordi che si basano su centesimi di gradi Celsius siglati dai potenti del mondo non bastano più per fermare i cambiamenti climatici. Bisogna pensare ad azioni molto più forti.

> LEGGI ANCHE: Una bambina di 15 anni sta scioperando contro il surriscaldamento del clima

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Verso un arredo d’interni sostenibile
Ambiente / In Italia non esiste una sinistra ambientalista: così la politica dimentica il dramma ecologico
Ambiente / 203 associazioni portano lo Stato Italiano in tribunale per "inazione climatica"
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Verso un arredo d’interni sostenibile
Ambiente / In Italia non esiste una sinistra ambientalista: così la politica dimentica il dramma ecologico
Ambiente / 203 associazioni portano lo Stato Italiano in tribunale per "inazione climatica"
Ambiente / Al via la terza stagione di Cambiagesto, campagna contro l’inquinamento da mozziconi
Ambiente / Via al terzo anno di #Cambiagesto, la campagna contro la dispersione di mozziconi di sigaretta
Ambiente / La nave dei veleni è affondata: "Un disastro ambientale"
Ambiente / WWF: il 5 e 6 giugno tornano le giornate delle Oasi
Ambiente / Con Snam nasce l’Innovation Center italiano sull’idrogeno 
Ambiente / Snam, RINA e Gruppo GIVA: primo test al mondo con un mix di gas naturale e idrogeno al 30% nella lavorazione dell’acciaio
Ambiente / Nuovo mag-book per ReWriters: Silvia Peppoloni, la massima esperta mondiale di Geoetica, raduna 13 contributors stellari per riscrivere le regole del Pianeta