Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

I ghiacciai alpini sotto i 3.500 metri spariranno entro il 2050 per colpa del cambiamento climatico

Immagine di copertina

Ghiacciai alpini, addio. Entro il 2050 è inesorabile la loro scomparsa sotto i 3.500 metri. È questo l’allarme lanciato da Legambiente e dal Comitato Glaciologico Italiano (Cgi). L’innalzamento delle temperature degli ultimi 15 anni, causato dai cambiamenti climatici, non lascia scampo a queste riserve idriche ad alta quota: nel giro di un secolo, la maggior parte di esse, svanirà definitavamente.

“Nell’ultimo secolo – si legge nello studio di Legambiente e Comitato Glaciologico Italiano (Cgi) – i ghiacciai alpini hanno perso il 50 per cento della loro area. Di questo 50 per cento, il 70 per cento è sparito negli ultimi 30 anni”.

Un esempio? Il Ghiacciaio del Calderone, unico dell’Appennino, situato sul massiccio del Gran Sasso, in Abruzzo, è “ormai divenuto un autentico ‘ghiacciaio nero'”, cioè “detritico”, rileva l’associazione meteorologica AQ Caput Frigoris, che sulla sua pagina Facebook, in un post dal titolo “Calderone: un mese da incubo”, mette a confronto una foto scattata l’11 agosto con una dell’11 luglio.

Le immagini, impressionanti, consentono di “constatare una significativa e rapida riduzione del già provato manto nevoso superficiale”. “All’eloquenza delle immagini – scrive AQ Caput Frigoris – aggiungiamo le rilevazioni effettuate dalla nostra stazione meteo del Rifugio Carlo Franchetti (a poca distanza dal ghiacciaio, ndc), m 2433 slm, che registrano temperature medie di +12.5°C per il mese di luglio e di +13°C nel corrente mese di agosto”. “Da aggiungere, oltre alle temperature, la significativa azione del vento – conclude l’associazione – in grado di apportare modifiche sostanziali agli accumuli nevosi preesistenti”.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / I guardiani della Terra: reportage da Torino con gli attivisti del clima
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Ti potrebbe interessare
Ambiente / I guardiani della Terra: reportage da Torino con gli attivisti del clima
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Ambiente / Strage di squali all’Elba per mano di pescatori
Ambiente / In 60 anni foreste diminuite del 60% a persona: oggi mezzo ettaro a testa
Ambiente / Greta non si presenta al summit Fridays for Future a Torino. C’è chi parla di “De-Gretizzazione” del movimento
Ambiente / A Torino il meeting europeo dei Fridays for Future con Greta Thunberg
Ambiente / Gli iceberg della Groenlandia hanno perso 6 miliardi di tonnellate d’acqua al giorno
Ambiente / Incendi, continua l’emergenza: in fiamme il Carso e la Versilia. Atene, brucia la periferia nord: 12 feriti
Ambiente / Marmolada: si è formato nuovo grande crepaccio di 200 metri