Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

I ghiacciai alpini sotto i 3.500 metri spariranno entro il 2050 per colpa del cambiamento climatico

Immagine di copertina

Ghiacciai alpini, addio. Entro il 2050 è inesorabile la loro scomparsa sotto i 3.500 metri. È questo l’allarme lanciato da Legambiente e dal Comitato Glaciologico Italiano (Cgi). L’innalzamento delle temperature degli ultimi 15 anni, causato dai cambiamenti climatici, non lascia scampo a queste riserve idriche ad alta quota: nel giro di un secolo, la maggior parte di esse, svanirà definitavamente.

“Nell’ultimo secolo – si legge nello studio di Legambiente e Comitato Glaciologico Italiano (Cgi) – i ghiacciai alpini hanno perso il 50 per cento della loro area. Di questo 50 per cento, il 70 per cento è sparito negli ultimi 30 anni”.

Un esempio? Il Ghiacciaio del Calderone, unico dell’Appennino, situato sul massiccio del Gran Sasso, in Abruzzo, è “ormai divenuto un autentico ‘ghiacciaio nero'”, cioè “detritico”, rileva l’associazione meteorologica AQ Caput Frigoris, che sulla sua pagina Facebook, in un post dal titolo “Calderone: un mese da incubo”, mette a confronto una foto scattata l’11 agosto con una dell’11 luglio.

Le immagini, impressionanti, consentono di “constatare una significativa e rapida riduzione del già provato manto nevoso superficiale”. “All’eloquenza delle immagini – scrive AQ Caput Frigoris – aggiungiamo le rilevazioni effettuate dalla nostra stazione meteo del Rifugio Carlo Franchetti (a poca distanza dal ghiacciaio, ndc), m 2433 slm, che registrano temperature medie di +12.5°C per il mese di luglio e di +13°C nel corrente mese di agosto”. “Da aggiungere, oltre alle temperature, la significativa azione del vento – conclude l’associazione – in grado di apportare modifiche sostanziali agli accumuli nevosi preesistenti”.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / WWF, il primo Climate Wall per “metterci la faccia” contro la crisi climatica
Ambiente / Clima, l’appello di Draghi ai leader mondiali: “Bisogna agire subito, non c’è più tempo”
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Ti potrebbe interessare
Ambiente / WWF, il primo Climate Wall per “metterci la faccia” contro la crisi climatica
Ambiente / Clima, l’appello di Draghi ai leader mondiali: “Bisogna agire subito, non c’è più tempo”
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Ambiente / Crisi climatica: negli ultimi 40 anni sono raddoppiati i giorni con temperature superiori a 50°
Ambiente / Record di attivisti ambientali uccisi nel 2020: morti per difendere il Pianeta
Ambiente / Emergenza rifiuti: “Tra un anno e mezzo le discariche del Sud saranno piene”
Ambiente / L’inquinamento uccide più del fumo, degli incidenti stradali e delle guerre: toglie due anni di vita
Ambiente / Le università di Berlino bandiscono la carne dalla mense: “È una scelta rispettosa per il clima”
Ambiente / L’incoerenza dei fondi green: tra gli investitori ci sono le grandi società inquinanti
Ambiente / Un miliardo di bambini è esposto a rischi “estremamente alti” per la crisi climatica