Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:36
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Fridays for Future, attivisti si incatenano davanti al palazzo Eni: “Siamo in emergenza climatica, basta gas e petrolio”

Immagine di copertina
Credit: Fridays for future

La protesta pacifica due giorni prima del quarto sciopero globale per il clima

Fridays for Future, attivisti si incatenano davanti al palazzo Eni: “Siamo in emergenza climatica, basta gas e petrolio”

Decine di attivisti di Fridays for Future si sono incatenati davanti a uno degli ingressi del Palazzo Eni, a Roma, per protestare contro i piani di espansione della multinazionale nella ricerca e nello sfruttamento di petrolio e gas, a due giorni dal quarto sciopero globale per il clima che si terrà venerdì 29 novembre.

L’azione di protesta nonviolenta vuole inoltre “accendere i riflettori sulle vaste operazioni di greenwashing su cui il Cane a sei zampe punta per dare di sé un’immagine pulita”, come si legge in un comunicato di Fridays for Future Roma.

Sempre oggi, presso il tribunale di Milano, si svolge una nuova udienza del processo per corruzione internazionale in cui Eni è accusata di aver pagato una tangente da 1,1 miliardi di dollari, per l’acquisizione di un giacimento petrolifero in Nigeria.

“Nonostante sia una delle trenta aziende più inquinanti del Pianeta per emissioni di gas serra, Eni ha intenzione di continuare a puntare pesantemente su gas e petrolio”, si legge nel comunicato di Fridays for Future. “Ad oggi, Eni produce circa 2 milioni di barili di idrocarburi al giorno, la metà dei quali proprio in Africa, dove è già il primo produttore internazionale. Ma la strategia dell’azienda per il prossimo quadriennio è di espandere ulteriormente il proprio business fossile, perforando 40 nuovi pozzi ogni anno”.

“Al centro dei piani di Eni c’è in particolare l’espansione del gas fossile, sfruttando i giacimenti che controlla in Mozambico, Nigeria, Egitto e Indonesia. Eni definisce il gas come “combustibile della transizione”, ma è noto che il metano sia un gas serra anche più potente dell’anidride carbonica e per questo occorre fermare questa espansione”.

Credit: Fridays for future
Credit: Fridays for future
Credit: Fridays for future

Il quarto sciopero globale per il clima del 29 novembre

Il movimento Fridays for Future ha organizzato un nuovo sciopero globale per il clima venerdì 29 novembre in diverse città italiane.

“Eravamo in piazza il 15 marzo in più di 2 milioni”, si legge nel comunicato di Fridays for Future Italia. “Ci siamo tornati il 24 Maggio, raggiungendo oltre 130 paesi in tutto il mondo. E durante la Climate Action Week, tra il 20 e il 27 Settembre 2019, hanno scioperato 7.6 milioni di studenti, famiglie, lavoratori in tutto il mondo, dall’Islanda all’Antartide. Tutto questo, però, non è bastato: le emissioni di CO2 nel 2019 non accennano a diminuire. Ecco perché torneremo in piazza venerdì 29 Novembre in 130 paesi in tutto il mondo e in oltre 100 città italiane” (qui la mappa con tutte le manifestazioni).

Gli attivisti hanno scelto la data del 29 novembre perché cade esattamente ad una settimana dalla COP25 (United Nations Climate Change Conference), la conferenza ONU sui cambiamenti climatici che si terrà dal 2 al 13 dicembre a Madrid, in Spagna. “Il nostro intento a livello globale è far sì che i leader politici dei vari paesi prendano misure immediate ed efficaci per contrastare la crisi climatica, dopo il sostanziale fallimento degli accordi di Kyoto e di Parigi”, sottolineano gli attivisti.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / La moda uccide l’Amazzonia
Ambiente / Gli albatros “divorziano” più spesso e la colpa è della crisi climatica
Ambiente / Marocco: il fiume Muluia scompare nella sabbia
Ti potrebbe interessare
Ambiente / La moda uccide l’Amazzonia
Ambiente / Gli albatros “divorziano” più spesso e la colpa è della crisi climatica
Ambiente / Marocco: il fiume Muluia scompare nella sabbia
Ambiente / Lunga vita alla farfalla monarca
Ambiente / Rinunciare all’auto è un gioco da ragazzi
Ambiente / Guidare un tir in Svezia risparmiando CO2: la sfida dei trasporti pesanti per un futuro verde
Ambiente / In Asia i bambini saranno più bassi a causa del clima?
Ambiente / Le donne investono nel green più degli uomini
Ambiente / Tredici proposte per reinventare la sostenibilità
Ambiente / Alla Cop26 ha vinto l’India. Adesso lo dice pure Cingolani