Cosa c’è dietro il business dell’acqua in bottiglia

L'azienda tedesca TradeMachines ha realizzato un'infografia con i dati più allarmanti sul tema. L'Italia ha il primato europeo per consumo pro capite di acqua in bottiglia

Di Laura Melissari
Pubblicato il 30 Giu. 2017 alle 16:21 Aggiornato il 4 Nov. 2019 alle 19:03
0
Immagine di copertina

Era il 1973 quando il brevetto per le bottiglie in PET fu acquisito da un ingegnere americano. Da allora il largo consumo ha portato a una situazione insostenibile, con isole di plastica fluttuanti nell’oceano Pacifico. È possibile porre rimedio a questo disastro ambientale? Come si è potuta creare una tale emergenza nell’arco di poche decadi?

L’azienda tedesca TradeMachines ha realizzato un’infografica che analizza il business dell’acqua in bottiglia, cercando di far luce sulla sua effettiva necessità e su molti punti ancora poco conosciuti circa il suo impatto ambientale (tanto nella produzione di PET che nel suo smaltimento).

– LEGGI ANCHE: Abbiamo sempre buttato le bottiglie di plastica nel modo sbagliato

Tra i dati più allarmanti c’è il primato europeo dell’Italia per consumo di acqua in bottiglia pro capite: dato ancora più sconcertante se paragonato alla qualità dell’acqua sgorgante dal rubinetto (che deve sottostare a normative molto più rigide rispetto all’acqua in bottiglia).

A cosa si deve questa preferenza? A buone strategie di marketing da parte dei grandi brand o al radicato mito che l’acqua corrente sia nociva? Le infografiche:

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.