Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

Un’area grande quanto la Turchia si sta sciogliendo in Antartide

Immagine di copertina

Il processo di scongelamento, iniziato nel gennaio 2016, ha assunto in poche settimane dimensioni epiche. L'area si è trasformata da un’immensa massa ghiacciata in un’enorme piscina a cielo aperto

Una vasta porzione di terra ghiacciata ha iniziato a sciogliersi in Antartide. Si tratta di quasi 800mila chilometri quadrati di terreno, pari alla superficie della Turchia, che da un’immensa massa ghiacciata si è trasformata in un’enorme piscina a cielo aperto.

Il processo di scongelamento, iniziato nel gennaio del 2016, ha assunto in poche settimane dimensioni epiche. L’evento è stato descritto su Nature Communication da alcuni scienziati in collaborazione con l’ARM West Antartic Radiation Experiment (AWARE).

Questi ultimi hanno assistito con grande stupore, in poco più di 15 giorni, allo scioglimento di gran parte della Barriera di Ross, la più vasta piattaforma ghiacciata dell’Antartico. I dati da loro rilevati hanno mostrato bassi livelli di nuvole e precipitazioni, elementi che hanno senz’altro contribuito ad aggravare la già critica situazione iniziale.

Quello che è emerso è che il processo di scongelamento potrebbe essere stato originato da El Nino, un intenso fenomeno metereologico che tra il 2015 e il 2016 ha avuto notevoli ripercussioni sull’aumento della temperatura globale, con i valori più alti registrati dagli anni Cinquanta.

Le alte temperature raggiunte dalle acque del Pacifico potrebbero aver determinato lo spostamento di masse di aria calda verso l’Antartide. Non c’è certezza però che i due fenomeni siano necessariamente collegati, né che El Nino sia l’unica causa dello scioglimento. A essa contribuiscono anche le emissioni di carbonio nell’atmosfera, notevolmente aumentate negli ultimi anni.

I ghiacciai dell’Ovest Antartide contengono una quantità di acqua ghiacciata tale da innalzare di almeno 10 piedi il livello delle acque. La loro massa, tuttavia, va sempre più riducendosi a causa del riscaldamento delle acque e dei recenti cambiamenti climatici. Episodi come questo, ancora su scala relativamente ridotta, sono fortunatamente circoscritti nel tempo.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Inquinamento nascosto: così le microplastiche hanno invaso il mare della Puglia
Ambiente / La causa del secolo: la storia delle giovani attiviste che hanno fatto causa allo Stato per inazione climatica
Ambiente / Emergenza siccità, il governo prepara il Dpcm: tutto il Nord in “zona rossa”. A rischio anche Marche e Lazio
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Inquinamento nascosto: così le microplastiche hanno invaso il mare della Puglia
Ambiente / La causa del secolo: la storia delle giovani attiviste che hanno fatto causa allo Stato per inazione climatica
Ambiente / Emergenza siccità, il governo prepara il Dpcm: tutto il Nord in “zona rossa”. A rischio anche Marche e Lazio
Ambiente / Giudizio universale: i cittadini fanno causa allo Stato per “inazione climatica”. Ecco cosa ha deciso il giudice
Ambiente / Emergenza siccità, l’allarme di Enel: “L’acqua è finita”
Ambiente / Emergenza siccità, il ministro Patuanelli: “Inevitabile dichiarare lo stato di crisi”
Ambiente / Allarme siccità sul Po, chiesto il razionamento dell’acqua in 125 comuni: “Valori mai visti da 70 anni”
Ambiente / Imprese green, bilancio di sostenibilità elemento imprescindibile per creare valore
Ambiente / Le tre semplici regole per una pasta ancora più green
Ambiente / WWF, cambio ai vertici: Daniela Ducato eletta presidente