Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

“Venezia in ginocchio? Colpa del cambiamento climatico. Agite prima che sia tardi”: Luca Mercalli a TPI

Immagine di copertina
Luca Mercalli

Il noto climatologo lancia l'allarme: "In 50 anni la Serenissima potrebbe scomparire"

Acqua alta a Venezia, Luca Mercalli: “La colpa è dei cambiamenti climatici”

Venezia è stata messa in ginocchio dall’emergenza acqua alta. Le sirene del primo allarme sono arrivate alle sei di pomeriggio del 12 novembre: 145 centimetri. Le seconde verso sera: 160. Le terze alle 22:50. Solo sette centimetri in meno dell’”acqua granda” disastrosa del 1966.

I danni sono incalcolabili e il problema davanti a cui ci troviamo di fronte ha un nome: cambiamento climatico. Per comprendere meglio come la marea che ha invaso la Serenissima dipenda da una questione più grande legata al riscaldamento globale, TPI ha intervistato il climatologo Luca Mercalli, responsabile dell’Osservatorio Meteorologico del Collegio Carlo Alberto di Moncalieri.

Cosa c’entra l’emergenza acqua alta a Venezia con il cambiamento climatico? Questo allagamento rientra in un fenomeno di normale maltempo o è qualcosa di più?

Acqua alta e cambiamenti climatici sono legati. Quello che sta vivendo Venezia è maltempo, ma dipende infatti dallo scioglimento inesorabile dei ghiacciai della Groenlandia e quindi l’innalzamento dei livelli marini. Il dato che emerge è che negli ultimi dieci anni questi avvenimenti si sono moltiplicati.

Questa volta siamo arrivati a soli sette centimetri dall’incredibile marea del ’66, ma nel frattempo da quell’anno a oggi il livello marino si è alzato di ben 15 centimetri. Questo rende più probabili fenomeni gravi come quello di oggi. Saranno sempre più frequenti e presenti. Insomma, si può dire con certezza: risuccederà.

Il recente rapporto IPCC è allarmante: entro il 2100 il livello del mare si innalzerà di circa un metro. Il che significherebbe vedere Venezia sommersa.

Alcuni report scientifici dicono che Venezia scomparirà entro 50 anni. È così?

È possibile. Sicuramente nei prossimi anni potremmo ritrovarci in una situazione come quella di oggi ogni due o tre anni. Piazza San Marco sarà impraticabile e lo stato di allagamento perenne.

Se gli accordi di Parigi non verranno rispettati, e non facciamo niente nell’indifferenza totale e con un modello fuori controllo, il livello del mare si alzerà anche più di un metro. Il danno c’è, ma si potrebbe circoscrivere se facessimo qualcosa.

L’innalzamento delle acque è provocato anche delle opere umane?

A Venezia c’è una concomitanza di due fattori: l’innalzamento dei mari dei quali parlavamo e poi lo sprofondamento della terraferma. Quest’ultimo è dovuto allo sfruttamento eccessivo da parte delle industrie, il depauperamento delle falde acquifere. Le acque si alzano, la terra scende: il danno è molto serio.

Il Mose è una soluzione? Cosa ne pensi?

L’abbiamo visto, il Mose non serve a nulla. Questa grande opera ha rappresentato un grande dispendio di soldi e ha avuto un enorme impatto sul mare. E in ogni caso non è una soluzione perché l’acqua che è entrata in laguna poi resta lì. Anzi, il Mose farebbe morire piano piano la laguna stessa, togliendole l’ossigeno che proviene dallo scambio con l’acqua marina.

Che cos’è il Mose, a che punto è e cosa c’entra con l’acqua alta a Venezia

Quali altre conseguenze ai cambiamenti climatici potranno mettere in pericolo il pianeta e le nostre città?

Partendo dalle montagne e arrivando al mare c’è un crescendo di gravità. I ghiacciai si sciolgono, abbiamo perso anche le nostre Alpi. Le ondate di calore, quest’anno abbiamo avuto il record di 43 gradi a Parigi. Le alluvioni di cui saremo spettatori aumenteranno. E la siccità, che sta provocando sempre più incendi in tutto il mondo.

Una grave conseguenza sarà il calo di produzioni agrarie e un impennarsi delle migrazioni per motivi climatici.

La politica non dovrebbe agire solo in modo emergenziale. Ma quali sono gli interessi economici in ballo?

La politica dovrebbe agire a lungo termine, con provvedimenti sulle energie rinnovabili, sul riuso energetico. Ma pochi vogliono investire in questo senso: ci sono troppi soldi e nessuno vuole rischiare.

Leggi anche: 

Ambiente, Luca Mercalli a TPI: “Alcuni interessi economici ostacolano le battaglie sul clima”

Venezia: la basilica di San Marco ha subito gravi danni in seguito alla mareggiata record. Il Procuratore: “A un passa dall’apocalisse” | FOTO

Acqua alta a Venezia: le impressionanti immagini della mareggiata record | FOTO | VIDEO

Maltempo, Venezia: l’acqua alta raggiunge i 187 centimetri. Il sindaco: “Un disastro”, 2 morti sull’isola di Pellestrina

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Earthship, la casa fatta di rifiuti e materiali ecosostenibili
Ambiente / Filippine: la salvezza delle mangrovie dipende dalle donne
Ambiente / Salviamo il riso dai cambiamenti climatici
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Earthship, la casa fatta di rifiuti e materiali ecosostenibili
Ambiente / Filippine: la salvezza delle mangrovie dipende dalle donne
Ambiente / Salviamo il riso dai cambiamenti climatici
Ambiente / Scoperto un nuovo pesce “trasparente”
Ambiente / La Norvegia dice addio alle miniere di carbone nell’Artico
Ambiente / Negli ultimi dieci anni è scomparso quasi un corallo su sei in tutto il mondo
Ambiente / Svolta ecologica? Con Cingolani no di certo: va pazzo per atomi e trivelle
Ambiente / Luca Mercalli a TPI: “A Draghi and Co. dico che non c’è crescita infinita in un mondo di risorse limitate”
Ambiente / Altro che prodotti finanziari ecologici: ecco tutte le bugie dei fondi green
Ambiente / Amata dai giovani, temuta dai potenti: i miei tre giorni con Greta Thunberg