Me

Di Maio avverte l’Ue: “Non ci sarà nessuna manovra correttiva”

Immagine di copertina
Luigi Di Maio

Di Maio manovra | Procedura Ue | M5s | Governo

Di Maio manovra – “Non ci sarà nessuna manovra correttiva”. Lo ha detto il ministro del Lavoro Luigi DI Maio ai microfoni di Radio Anch’io, rispondendo così alla Ue, che mercoledì 5 giugno ha dato il primo via libera alla procedura di infrazione contro l’Italia per debito eccessivo [qui il testo della lettera Ue all’Italia].

“La lettera ci dice delle cose da fare, noi dobbiamo rispondere con educazione ma non siamo disposti a fare come si è fatto negli ultimi anni, cioè tagliare ai cittadini e ai servizi”, ha aggiunto il capo politico del Movimento Cinque Stelle.

Di Maio manovra – Di Maio aveva risposto a Bruxelles già nella giornata di ieri: “Noi siamo persone serie – aveva scritto in un post su Facebook – l’Italia è un paese serio, che rispetta la parola data. Quindi andremo in Europa e ci metteremo seduti al tavolo con responsabilità, non per distruggere, ma per costruire. Però è molto seccante che ogni giorno si trovi un motivo diverso per parlare male dell’Italia e di questo governo!”.

“Sono anni che diamo senza ricevere, o che riceviamo meno di quanto ci spetterebbe, anni che siamo totalmente ignorati sulla questione migranti, ad esempio. Ci lasciano tutto il peso e, come se non bastasse, poi ci fanno pure la morale. Così non va bene, così è troppo facile” aveva attaccato il vicepremier.

Di Maio manovra | Il caso Ilva

Di Maio, a Radio Anch’io, ha parlato anche delle questioni ex Ilva e Whirlpool: “Sono stufo di aziende che firmano gli accordi e poi non vi tengono fede. La prossima settimana ci vedremo, è già fissato un tavolo, devono tenere fede agli accordi”.

È proprio di oggi la notizia che ArcelorMittal ha deciso di spedire 1.400 dipendenti dello stabilimento ex Ilva di Taranto in cassa integrazione per 13 settimane.

> Ilva, Bonelli: “Il governo ha nascosto 600 bambini nati malformati dal 2003 al 2015”

I precari Anpal a TPI: “Di Maio ci assuma o blocchiamo il reddito di cittadinanza”