Me

Oscar 2019: tutte le polemiche sui famosi premi del Cinema

Immagine di copertina

Oscar 2019 polemiche | Cinema | Attori | Presentatori | Academy

OSCAR 2019 POLEMICHE – Il 24 febbraio 2019 vanno in scena gli Oscar. I prestigiosi premi cinematografici verranno consegnati ai rispetti vincitori dall’Academy a Los Angeles. Un evento planetario, seguito in tutto il mondo, anche (come in Italia) a notte fonda. Come tutti i grandi eventi, le polemiche non mancano. Di seguito tutte le polemiche legate ai premi Oscar 2019.

> QUI TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SUGLI OSCAR 2019

– SE NON VISUALIZZI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI, CLICCA QUI –

AGGIORNAMENTO 15 FEBBRAIO 2019 – Tutte le categorie verranno premiate in diretta – L’Academy ha cambiato idea. A poche ore di distanza dall’annuncio secondo cui  i vincitori di quattro categorie sarebbero stati premiati durante il break pubblicitario, l’associazione che assegna gli Oscar ha fatto dietrofront: tutti i candidati saranno premiati in diretta. Insomma, un ritorno alla prassi considerando anche le polemiche sorte.

AGGIORNAMENTO 14 FEBBRAIO 2019 – Quattro categorie verranno premiate durante le pause pubblicitarie – Miglior fotografia, Miglior montaggio, Miglior cortometraggio e Miglior trucco e acconciature: ecco quali sono le quattro categorie i cui vincitori, per la prima volta, verranno annunciati durante le pause pubblicitarie. La decisione dell’Academy, in vista degli Oscar 2019, è stata annunciata a poche settimane dalla 91esima edizione, in programma al Dolby Theatre il 24 febbraio. Una direttiva, però, che ha sollevato un polverone. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

AGGIORNAMENTO 22 GENNAIO 2019 – I social dicono “No” alle nomination degli Oscar 2019 – L’Academy ha ufficializzato le candidature in vista della 91esima cerimonia. Tra i film con più nomination ci sono La favoritaBlacKkKlansmanA star is born e Black panther. Scelte che non sono piaciute al web, che ha criticato soprattutto l’”ingombrante” presenza  di questi ultimi due film.

“A quelli che hanno nominato Black panther mi sento di dire: Dove c***o eravate quando è uscita la trilogia di Batman di Christopher Nolan?”, è stato uno dei commenti sotto l’hashtag #OscarNoms. La pellicola in questione, in effetti, ha segnato un record: è la prima dell’universo Marvel a essere candidata nella categoria Miglior film. Polemiche anche sul lungometraggio con protagonista la pop star Lady Gaga, A star is born. Gli utenti non hanno apprezzato la scelta dell’Academy di nominare la cantante tra le migliori attrici. “Ragazzi, vi ricordo che Jennifer Lawrence è riuscita a vincere un Oscar con quell’interpretazione da triglia lessa in Silver Linings Playbook, figuratevi se mi sconvolgo per la nomination di Gaga”, ha scritto un’utente. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

AGGIORNAMENTO 14 GENNAIO 2019 – Polemica tra il sindacato degli attori e l’Academy: “Pressione ingiustificata sui nostri rappresentati” – È scontro tra il sindacato degli attori americani, il Sag-Aftra, e l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences, l’organizzazione che ogni anno assegna i premi Oscar del cinema. Secondo il primo l’Academy starebbe esercitando una forte e ingiustificata pressione sugli interpreti che vorrebbe che apparissero come presentatori durante la 91esima cerimonia. L’Academy, per il sindacato, starebbe vietando loro di partecipare in veste di conduttori ai prossimi Sag Awards – i premi cinematografici consegnati agli attori più meritevoli dell’anno – in programma il 27 gennaio 2019. Il motivo? Avere l’esclusiva e creare maggiore effetto sorpresa.

“Abbiamo ricevuto numerose segnalazioni su questo atteggiamento e lo abbiamo sperimentato in prima persona”, ha dichiarato il Sag-Aftra, l’associazione che rappresenta gli interpreti del grande e del piccolo schermo. “La stagione dei riconoscimenti è un momento speciale in cui gli attori e le attrici vengono celebrati in modo appropriato per l’eccezionale qualità del loro lavoro e ci aspettiamo che l’Academy non si dimentichi di onorare questi obiettivi”. (QUI TUTTI I DETTAGLI)

> QUI TUTTE LE NOMINATION AGLI OSCAR 2019