Me

Una bimba di 8 mesi è stata soffocata dalla maestra perché piangeva troppo

La donna, una maestra di 24 anni, si è giustificata davanti ai giudici affermando di non aver ricevuto la formazione idonea

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

Una bimba di otto mesi è stata uccisa dalla sua maestra d’asilo perché piangeva troppo. La donna, 24 anni, si è difesa davanti ai giudici affermando di non aver ricevuto la formazione giusta. Il fatto drammatico è avvenuto all’interno di una struttura di Baltimora, Maryland, Stati Uniti.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la piccola Reese Bowman non smetteva di piangere e la donna non sapeva più come gestirla. Questo avrebbe spinto la 24enne a compiere il gesto orribile. Le telecamere della struttura hanno ripreso tutta la scena: la maestra, in preda a un raptus forse, ha preso alcune coperte e le ha premute forte contro il piccolo viso della bambina.

Prima di morire, le immagini mostrano la bimba scalciare per diversi lunghissimi secondi. Finché Reese non ha smesso di muovrsi, di piangere, di respirare.

La Corte ha condannato la 24enne a una pena di 70 anni di detenzione. All’inizio la maestra 24enne ha cercato di migliorare la sua posizione affermando di aver dato da mangiare alla bimba, prima di avvolgerla in una coperta e metterla a riposare, per poi trovarla senza vita una volta tornata a controllarla.

“Non volevo che accadesse ma non aver ricevuto la formzione o l’assistenza necessarie per questo tipo di  lavoro”. Queste le parole utilizzate dalla 24enne statunitense Leah Walden per giustificare quel gesto orribile. La donna ha ammesso di aver ucciso, mentre svolgeva il suo lavoro di maestra d’asilo, la bambina.

Quando però gli inquirenti hanno messo mano alle riprese, non ci sono stati dubbi. La verità era un’altra: “Nel video si vede  Walden strappare violentemente la bambina dalla culla con un braccio e lasciarla penzoloni come se la stesse schiaffeggiando, poi le mette delle coperte in faccia e preme su di lei Guardare quel video è inquietante”, ha riferito uno degli inquirenti, per poi aggiungere: “Per me la piccola Reese Bowman è stato anche torturata prima di essere uccisa”.