Me

Voleva girare il mondo da sola: cantante 25enne stuprata e uccisa in Costa Rica

Immagine di copertina
Maria Matus Tenorio

Un sogno finito in tragedia. Maria Matus Tenorio, cantante messicana di 25 anni, era finalmente riuscita a dare corpo a uno dei suoi sogni: girare il mondo da sola. L’idillio è però tragicamente finito alla prima tappa: in Costa Rica.

Maria è stata infatti trovata morta sulla spiaggia di Santa Teresa dopo essere stata stuprata da due uomini, ora arrestati.

Secondo la polizia locale, la ragazza era in compagnia di una donna inglese – conosciuta durante il viaggio – quando sono state aggredite da due uomini ed è stata la donna britannica che scappando è riuscita a dare l’allarme.

Hoy empieza mi viaje sola 🌺 después de muchísimo tiempo de haber deseado irme por el planet a viajar sola por fin lo hago ❤️ Llego la hora de llenarme de naturaleza. Costa Rica 🌺pura vida #lamaletacasiesdemitamaño

Un post condiviso da Mar🐚Maid (@sirenamarmaid) in data:

Una morte che ha colpito e non poco la popolazione locale, in particolare le donne. In centinaia sono scese in piazza al grido “Non una di meno”.

Due giorni fa si è svolta sulla spiaggia dove è avvenuta la tragedia una cerimonia per rendere omaggio alla cantante. In occasione è stato trasmesso un audio della madre: “Il suo nome era Maria Trinidad ma avevo deciso di chiamarsi Mar.. è proprio al mare è finita la sua vita”.

Pura vida! Mis nuevos amigos en Costa Rica 🌺🌺🌺🌺🌺🌺🔥🔥🔥🔥

Un post condiviso da Mar🐚Maid (@sirenamarmaid) in data:

Elena Varade, una ragazza che ha incontrato Maria durante il suo viaggio, ha invece lanciato una campagna con l’hashtag #NoViajabaSola che sta riscuotendo un discreto successo.

“Viaggiare da soli non dovrebbe essere pericoloso – le sue parole -. La morte di Mar non sia vana! Non lasciate che la paura vi impedisca di realizzare i vostri sogni, continuate a incontrare persone, amare senza misura e andate a scoprire il mondo!”.

LEGGI ANCHE: TAGIKISTAN, DUE AMERICANI CHE GIRAVANO IL MONDO IN BICI SONO STATI UCCISI DALL’ISIS