Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

L’uomo che sopravvisse a due bombe atomiche

Un giovane ingegnere giapponese si salvò sia dall’esplosione della bomba atomica su Hiroshima sia da quella su Nagasaki

Immagine di copertina

Il 6 agosto del 1945, quando gli americani sganciarono la prima bomba atomica, la Little Boy, il giovane ingegnere Tsutomu Yamaguchi si trovava a Hiroshima per lavoro. Riuscì a scampare alla morte, ma rimase ferito gravemente: riportò gravi ustioni sulla parte alta del corpo, perse quasi del tutto l’udito e rimase cieco temporaneamente.

Nonostante le sue precarie condizioni di salute, il giorno dopo decise di scappare da quell’inferno per ritornare a casa, a Nagasaki. Non poteva immaginare che di lì a poco avrebbe dovuto assistere all’esplosione di una seconda bomba atomica.

La mattina del 9 agosto Tsutomu stava raccontando ai suoi colleghi di lavoro lo scenario apocalittico che aveva visto a Hiroshima, quando esplose su Nagasaki l’ordigno nucleare soprannominato Fat man.

Anche questa volta però, riuscì a evitare l’appuntamento con la morte. Tsutomu fu l’unica persona a essere riconosciuta ufficialmente come superstite delle due bombe atomiche, quella di Hiroshima e quella di Nagasaki.

Passò il resto della sua vita convivendo con diversi problemi di salute provocati dalle ustioni e dalle radiazioni sprigionate con lo scoppio delle bombe. Morì il 4 gennaio del 2010 all’età di 93 anni, a causa di un cancro allo stomaco.

Nel 2009 in un’intervista telefonica rilasciata a The Independent, dichiarò: “Quando io sarò morto, desidero che le generazioni successive agli hibakusha – in giapponese coloro che sono sopravvissuti alle esplosioni – sappiano cosa è successo alla nostra”.

Articoli correlati

I figli di Hiroshima 

– La strage di Hiroshima 70 anni fa

– Le foto di Hiroshima, ieri e oggi 

– Mille origami giapponesi per guarire dalla leucemia