Me
L’uomo che sopravvisse a due bombe atomiche
Condividi su:
sopravvissuto bomba atomica

L’uomo che sopravvisse a due bombe atomiche

Un giovane ingegnere giapponese si salvò sia dall’esplosione della bomba atomica su Hiroshima sia da quella su Nagasaki

06 Ago. 2018
sopravvissuto bomba atomica

Il 6 agosto del 1945, quando gli americani sganciarono la prima bomba atomica, la Little Boy, il giovane ingegnere Tsutomu Yamaguchi si trovava a Hiroshima per lavoro. Riuscì a scampare alla morte, ma rimase ferito gravemente: riportò gravi ustioni sulla parte alta del corpo, perse quasi del tutto l’udito e rimase cieco temporaneamente.

Nonostante le sue precarie condizioni di salute, il giorno dopo decise di scappare da quell’inferno per ritornare a casa, a Nagasaki. Non poteva immaginare che di lì a poco avrebbe dovuto assistere all’esplosione di una seconda bomba atomica.

La mattina del 9 agosto Tsutomu stava raccontando ai suoi colleghi di lavoro lo scenario apocalittico che aveva visto a Hiroshima, quando esplose su Nagasaki l’ordigno nucleare soprannominato Fat man.

Anche questa volta però, riuscì a evitare l’appuntamento con la morte. Tsutomu fu l’unica persona a essere riconosciuta ufficialmente come superstite delle due bombe atomiche, quella di Hiroshima e quella di Nagasaki.

Passò il resto della sua vita convivendo con diversi problemi di salute provocati dalle ustioni e dalle radiazioni sprigionate con lo scoppio delle bombe. Morì il 4 gennaio del 2010 all’età di 93 anni, a causa di un cancro allo stomaco.

Nel 2009 in un’intervista telefonica rilasciata a The Independent, dichiarò: “Quando io sarò morto, desidero che le generazioni successive agli hibakusha – in giapponese coloro che sono sopravvissuti alle esplosioni – sappiano cosa è successo alla nostra”.

Articoli correlati

I figli di Hiroshima 

– La strage di Hiroshima 70 anni fa

– Le foto di Hiroshima, ieri e oggi 

– Mille origami giapponesi per guarire dalla leucemia

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus