Me
La regina Elisabetta sfregia Trump lanciando messaggi in codice pro-Obama durante la visita del presidente Usa
Condividi su:
trump regina elisabetta spille
Credit: Brendan Smialowski

La regina Elisabetta sfregia Trump lanciando messaggi in codice pro-Obama durante la visita del presidente Usa

Il giorno dell'arrivo di Trump nel Regno Unito, la sovrana ha indossato una spilla che le era stata regalata dagli Obama. Ma ci sono anche altri "messaggi in codice" che avrebbe inviato al presidente Usa

19 Lug. 2018
trump regina elisabetta spille
Credit: Brendan Smialowski

Alcuni giorni fa il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha incontrato per la prima volta la regina Elisabetta al castello di Windsor, in occasione della sua visita ufficiale nel Regno Unito.

Dopo il loro incontro, la stampa ha riportato che il presidente statunitense ha rotto il protocollo camminando davanti alla regina in modo molto maleducato.

Ma ora si torna a discutere della visita di Trump per un altro dettaglio, inizialmente passato inosservato, ed evidenziato da un’utente su Twitter successivamente riportato dal Daily Mail.

Il dettaglio riguarda una spilla indossata dalla regina il giorno dell’arrivo di Trump.

È noto che Elisabetta ami questo tipo di accessori, che spesso le vengono regalati come omaggi da capi di stato o di governo.

Il giorno in cui Trump è atterrato nel Regno Unito, la regina Elisabetta ha scelto di indossare la spilla che le era stata donata dall’ex presidente Barack Obama e dalla moglie Michelle in segno di amicizia nel 2011.

In quell’occasione, Obama donò alla regina una spilla del 1950, a forma di fiore verde, fatta di oro giallo 14 carati, diamanti e agata.

Una foto in cui la regina indossa la spilla regalatale da Obama.

Cinque anni dopo, durante la loro visita di stato negli Regno Unito, gli Obama avevano cenato privatamente con il principe William, la principessa Kate e il principe Harry.

Per questo, quando il 13 luglio scorso la regina ha ricevuto Donald e Melania Trump, invece, è spiccata l’assenza degli altri membri della famiglia reale.

Forse Elisabetta ha voluto lanciare un segnale all’attuale capo della Casa Bianca?

L’ipotesi è stata avanzata sul Guardian da Hadley Freeman, che ha osservato attentamente le scelte stilistiche della sovrana d’Inghilterra nei tre giorni in cui Trump è stato nel Regno Unito.

Il giorno successivo all’arrivo di Trump, la regina ha indossato una spilla che le era stata donata dal Canada, un paese con cui il presidente statunitense non ha ottime relazioni al momento (gli Usa minacciano di voler uscire dal Nafta, il trattato di libero scambio firmato con Canada e Messico).

Inoltre, la spilla era a forma di fiocco di neve, in inglese snowflake, un termine che Trump usa per indicare le persone che non sono d’accordo con lui.

Infine, per il giorno del suo incontro con Trump, Elisabetta ha indossato una spilla che la regina madre ha indossato al funerale del re George VI (padre della regina Elisabetta), quindi niente affatto legata a ricordi felici.

Difficile dire se la giornalista del Guardian ci abbia visto giusto, ma una cosa è certa: se fosse vero, non sarebbe certo la prima volta che la regina Elisabetta adatta il proprio guardaroba al tema della giornata.

Per il matrimonio di William e Kate, ad esempio, indossò la spilla con il nodo d’amore.

È inoltre passato alla storia il cappello da lei indossato durante il Queen’s Speech in parlamento lo scorso anno, che aveva una sorprendente somiglianza con la bandiera dell’Ue proprio mentre il governo britannico discuteva sulla Brexit.

Sarà stato un caso? Può darsi. Ma bisogna ricordare che alla regina non è consentito fare dichiarazioni politiche. Cappelli e spille potrebbero essere un modo “alternativo” per esprimere quello che pensa.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus