Me
Royal family, il padre di Meghan Markle: “Conosco mia figlia, è terrorizzata”
Condividi su:
meghan markle padre
Meghan Markle, moglie del principe Harry. Credit: Chris Jackson

Royal family, il padre di Meghan Markle: “Conosco mia figlia, è terrorizzata”

Thomas Markle ha rilasciato un'intervista in cui ha svelato la sua preoccupazione per la figlia, che secondo lui è sotto pressione a causa della sua nuova vita nella famiglia reale

16 Lug. 2018
meghan markle padre
Meghan Markle, moglie del principe Harry. Credit: Chris Jackson

Dopo aver fatto già molto discutere per la sua assenza al matrimonio della figlia con il principe Harry, il padre di Meghan Markle torna a rilasciare alcune dichiarazioni che stanno facendo scalpore sulla stampa britannica.

In un’intervista esclusiva rilasciata al SunThomas Markle ha dichiarato di essere preoccupato per la figlia, che secondo lui sarebbe sottoposta a una pressione troppo forte a causa della sua nuova vita reale.

“Ho visto il suo sorriso per anni, conosco il suo sorriso”, ha detto il padre di Meghan, “Non mi piace quello che sto vedendo adesso”.

Thomas Markle, 73 anni, ha dichiarato: “Penso che mia figlia sia terrorizzata”.

“Lo vedo nei suoi occhi, lo vedo nel suo volto e nel suo sorriso”, spiega. “Questo non è neanche un sorriso di circostanza, è un sorriso di dolore. Forse è dovuto a qualche brutta giornata. Non lo so. Ma mi preoccupa molto. Io credo che lei sia troppo sotto pressione. C’è un alto prezzo da pagare ad essere sposata con un famiglia del genere”.

Thomas ha criticato anche il modo di vestire di Meghan, definendo il dress code imposto dalla casa reale “ridicolo”.

“Sembra che sia uscita da un vecchio film”, ha affermato. “Perché nel 2018 ci vestiamo come se fossero gli anni Trenta? Perché devono coprire le loro ginocchia?”.

“Non sto dando la colpa ad Harry o a nessun altro, ma loro seguono dei protocolli che non hanno senso per me. Non sono meno umani di altri. Dio solo sa quanto mi dispiace per loro, quanto mi dispiace che non possano esprimere le loro emozioni”.

“La famiglia reale vive secondo regole datate”, ha aggiunto.

Thomas Markle ha rivolto anche un appello alla figlia e al suo nuovo marito, Harry, chiedendo loro di mettersi in contatto con lui perché crede di poter morire presto e vorrebbe riabbracciare Meghan.

Dopo il primo viaggio da sposata con il principe Harry in Irlanda, Meghan ha avuto la sua prima uscita ufficiale con la cognata Kate Middleton senza i rispettivi mariti. Insieme, si sono recate a Wimbledon per il torneo dello slam.

La famiglia Markle

Meghan Markle è nata il 4 agosto 1981 a Los Angeles,in California. La madre, Doria Loyce Ragland è afroamericana e lavora come psicoterapeuta e istruttrice di yoga. Il padre, Thomas Wayne Markle è stato direttore della fotografia e ora vive in una casa in affitto a Rosarito, in Messico..

Meghan ha due fratellastri paterni maggiori, Yvonne Samantha e Thomas Jr., con cui non ha ottimi rapporti.

I suoi genitori divorziarono nel 1988, quando lei aveva sei anni.

Il padre non ha partecipato alle nozze della figlia, che è stata invece accompagnata all’altare dal principe Carlo. La motivazione ufficiale sono le condizioni di salute dell’uomo, un ex direttore della fotografia di Hollywood, ma i tabloid hanno speculato su uno scandalo per delle foto vendute alla stampa. In seguito, Thomas Markle ha detto che Meghan ha pianto quando le ha comunicato che non sarebbe andato al matrimonio.

“Mi sono già scusato con la Royal Family”, ha detto l’uomo al Sun tornando a parlare di quell’episodio. “Onestamente penso che se la regina si prendesse del tempo di pensare che non ha voluto vedermi a causa di alcune stupide fotografie, si renderebbe conto che è una cosa ridicola. Ho avuto una vita piena di successi. Forse ho detto ad alta voce alcune cose, ma non sono diverso da qualsiasi altro padre”.

Leggi anche: Tutto su Meghan Markle: curiosità, aneddoti e dettagli sulla moglie del principe Harry

Leggi anche: Il padre di Meghan Markle ha rivelato cosa pensa il principe Harry di Trump e della Brexit

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus