Me
Rapporti sessuali con prostitute: volontari di Medici Senza Frontiere sotto accusa
Condividi su:
medici senza frontiere prostitute

Rapporti sessuali con prostitute: volontari di Medici Senza Frontiere sotto accusa

A compiere gli abusi non sarebbero stati né i medici né gli infermieri, ma il personale logistico incaricato di gestire campi e derrate

21 Giu. 2018
medici senza frontiere prostitute

Alcuni volontari di Medici Senza Frontiere avrebbero chiesto sesso e prostitute in cambio di aiuti alle popolazioni africane che erano incaricati di soccorrere.

A denunciare i comportamenti scorretti è un gruppo di ex dipendenti femminili di Msf che hanno parlato in modo anonimo tramite il programma Victoria Derbyshire per paura di essere inserite nella lista nera delle agenzie di aiuto straniere, tra le quali c’è un ampio crossover di personale.

A compiere gli abusi non sarebbero stati né i medici né gli infermieri, ma il personale logistico incaricato di gestire campi e derrate.

L’organizzazione benefica impiega migliaia di operatori sanitari e personale logistico, la maggior parte assunti localmente.

Msf dal canto suo ha detto di non tollerare “l’abuso, la molestia o lo sfruttamento”. Il ricorso a prostitute è vietato dall’organizzazione che ha un severo codice di condotta.

Secondo queste donne, il comportamento era molto diffuso tra gli operatori maschi. Una testimone ha affermato che un collega anziano avrebbe barattato farmaci in cambio di sesso.

Un’altra testimone ha riferito di aver visto un membro anziano del personale portare le ragazze agli alloggi di Msf in Kenya.

“Le ragazze erano molto giovani e si vociferava fossero prostitute”, ha detto, aggiungendo che era “implicito” che erano là per fare sesso.

“Il mio collega, che soggiornava nella stessa residenza per un lungo periodo, riteneva che questo fosse un evento normale”, ha detto.

Un’altra lavoratrice, che ha lavorato con pazienti affetti da HIV nell’Africa centrale, ha affermato che l’uso di prostitute locali era “diffuso”.

“C’era un collega più anziano che ha trasferito una donna nel complesso (dove soggiornava lo staff di MSF)”, ha detto.

“Era abbastanza ovvio che lei fosse una prostituta, ma la chiamava la sua ragazza e lei passava notte dopo notte con lui.

“Questo genere di cose era così evidente, così palese e diffusa.

“Ho visto uno dei miei colleghi, era un ragazzo molto più giovane, andare in bagno con una prostituta locale.

“Ho conosciuto la ragazza in un bar, poi mi ha detto che avevano fatto sesso e lui l’aveva pagata”.

“La cosa peggiore è stata quando sono partita per alcune settimane e sono tornato nella mia stanza e ho trovato preservativi usati”. 

La donna ha raccontato che aveva riferito l’episodio al suo capo sul campo, ma le era stato anche detto che sarebbe stata licenziata se non avesse sistemato le cose con il suo collega.

L’organizzazione ha affermato che “è dispiaciuta per ogni caso in cui le persone sono state sottoposte a molestie, abusi e maltrattamenti”. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus