Me
Sterling al centro di una bufera in Inghilterra per un tatuaggio
Condividi su:
Tatuaggio Sterling
L'attaccante del Manchester City e della nazionale inglese, Sterling

Sterling al centro di una bufera in Inghilterra per un tatuaggio

L'attaccante del Manchester City e della nazionale inglese si è tatuato un fucile d'assalto sul polpaccio

29 Mag. 2018
Tatuaggio Sterling
L'attaccante del Manchester City e della nazionale inglese, Sterling

L’attaccante del Manchester City e della nazionale inglese Raheem Sterling è finito al centro delle polemiche per un tatutaggio. Sì, un semplice tatuaggio. O forse non tanto semplice visto che il soggetto del tatuaggio è un fucile d’assalto.

Tatuaggio Sterling

Il tatuaggio di Sterling

Il dibattito, in particolare sui social network, è stato subito molto acceso e polarizzato, e non è mancato chi ha chiesto l’immediata esclusione dell’attaccante del Manchester City dalla rosa mondiale dell’Inghilterra.

When you’re training and realised you ain’t post on the gram in couple days.📸

Un post condiviso da Raheem Sterling x 😇 (@sterling7) in data:

Dopo aver letto duri giudizi sul suo ultimo tatuaggio, definito “disgustoso” e “totalmente inaccettabile”, lo stesso Sterling ha voluto difendersi con una “storia” su Instagram.

“Quando avevo due anni mio padre è stato ucciso da un colpo d’arma da fuoco. All’epoca avevo promesso a me stesso che non avrei mai toccato un’arma. Calcio di destro, dunque il tatuaggio ha un significato più profondo. E non è ancora finito”, le sue parole.

In difesa del giovane talento inglese si è schierato Gary Lineker, ex centravanti dell’Inghilterra, oggi opinionista tv, che ha definito “persecutorie” le accuse rivolte a Sterling.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus