Me
“Vogliono trascinare Mattarella nel rogo infernale, vi spiego perché non ci può essere l’impeachment”
Condividi su:
impeachment mattarella
Credit: AFP PHOTO / Lehtikuva / Jussi Nukari

“Vogliono trascinare Mattarella nel rogo infernale, vi spiego perché non ci può essere l’impeachment”

Il costituzionalista Gaetano Azzariti, professore alla Sapienza di Roma, chiarisce perché il capo dello Stato non può essere accusato di tradimento e attentato alla Costituzione

impeachment mattarella
Credit: AFP PHOTO / Lehtikuva / Jussi Nukari

L’articolo 90 della Costituzione stabilisce che il presidente della Repubblica non è responsabile degli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni, salvo che per alto tradimento e attentato alla Costituzione, quindi per due gravissimi reati penali”.

“Ora, partendo dal presupposto che è assolutamente concesso criticare l’operato del capo dello Stato, non si può tradurre questa critica in una messa in accusa così grave”.

A parlare è il costituzionalista e professore ordinario di Diritto costituzionale alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza, Gaetano Azzariti.

Con il professor Azzariti abbiamo cercato di fare chiarezza sulla vicenda che vede il capo dello Stato Sergio Mattarella accusato di impeachment da Movimento Cinque Stelle e Fratelli d’Italia.

Domenica 27 maggio, il premier incaricato Giuseppe Conte ha rimesso il mandato dopo che il presidente Mattarella ha rifiutato la nomina dell’economista Paolo Savona a ministro dell’Economia (qui il video del discorso del capo dello Stato).

Il capo dello Stato ha spiegato di non poter accettare imposizioni dai partiti sulla nomina dei ministri del governo, sottolineando, per senza mai farne il nome, che Savona si era più volte espresso su posizioni anti-euro.

La decisione di Mattarella ha avuto come conseguenza l’apertura di una crisi istituzionale senza precedenti.

Luigi Di Maio e Matteo Salvini, leader rispettivamente di M5S e Lega, hanno attaccato duramente il Quirinale.

In un comizio pubblico a Fiumicino, Di Maio e il compagno di partiti Alessandro Di Battista hanno accusato il presidente della Repubblica di aver tradito la Costituzione italiana, invocando per l’impeachment.

“Si può criticare, anche duramente, Mattarella per non aver firmato il decreto di nomina del ministro dell’Economica, ma che si voglia tradurre questa legittima critica in un reato penale così grave a me sembra espressione del nervosismo circolante, della irruenza della politica”, osserva il professor Azzariti.

“Bisogna stare attenti a trascinare le istituzioni, quindi non la persona, dentro uno scontro politico così acceso, rischiamo di venirne travolti”.

“Mattarella ha effettuato un’interpretazione molto estesa dell’articolo 92 della Costituzione – Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei Ministri e, su proposta di questo, i Ministri –, forse dal mio punto di vista eccessiva perché ha riguardato l’indirizzo politico, ma non ci sono i presupposti per parlare di impeachment che è anche un termine improprio nel nostro caso”, sottolinea il costituzionalista.

Secondo Azzariti, “la formula è sbagliata”. “Nel nostro caso, non c’è impeachment, c’è quello che, se formalizzato, sarebbe un reato penale gravissimo”.

“Vogliono trascinare la presidenza della Repubblica nel rogo infernale, vogliono accusare Mattarella di aver fatto alto tradimento e di aver attentato alla Costituzione”, spiega il professore.

Nell’ordinamento italiano sarebbe però più giusto parlare di “messa in stato d’accusa del Capo dello Stato”.

Il termine impeachment è iun istituto giuridico tipico del common law, ossia del modello giuridico proprio dei paesi anglosassoni. Nel sistema americano la procedura di impeachment, disciplinata dalla Costituzione, è prevista per i giudici e per i componenti dell’esecutivo.

“Possiamo criticare la scelta di Mattarella”, chiarisce il professor Azzariti

“Ci rendiamo conto tutti che se nel programma di governo fosse stato fatto cenno all’uscita dell’Italia dall’Euro, allora sarebbe stata una questione di unità nazionale e certamente sarebbe stato un fatto grave”, fa notare.

“Questo però non c’è scritto: il veto ha riguardato una persona, il ministro dell’Economia, che avrebbe espresso opinioni fortemente discutibili e discusse sull’Italia e l’euro”.

Il costituzionalista sottolinea tuttavia un particolare non di poco conto: “Le elezioni sono state vinte dai populisti, che ritengono che non bisogna uscire dall’Euro ma che bisogna andare a ridiscuterne i vantaggi”.

“Mattarella forse poteva varare il governo e poi sovrintendere alle politiche anche anti-europeiste del governo, come garante. Ma ha fatto il suo lavoro”, sottolinea Azzarini, secondo cui “questi elementi non sono sufficienti per formalizzare lo stato d’accusa”.

“Forse questa interpretazione estesa dell’articolo 92 è stata favorita dalle numerose anomalie che hanno caratterizzato questa crisi di governo”, fa notare il professore.

“Anche il cosiddetto contratto di governo”, dice il professore, “è stato assai anomalo”.

Si è trattato di un atto privatistico, che non ha nessun valore pubblicistico costituzionale, “stipulato da soggetti privati, leader di due partiti, definito prima dell’incarico e senza l’incaricato”.

Azzarini ricorda che “l’articolo 95 della nostra Costituzione dice che il presidente del Consiglio è responsabile della politica del governo, e quindi è anomalo che i partiti facciano prima quel che dovrebbero fare, un segnale di privatizzazione, un segnale che il capo dello stato non deve aver gradito dal punto di vista della procedura”.

Nel complesso è una crisi molto anomala, conclude il professore.

“Il capo dello Stato si trova tra molte anomalie, c’è da essere preoccupati per il complesso, non solo per questa messa in stato d’accusa”, osserva Azzarini.

“Dal punto di vista istituzionale mi sembra di capire che le elezioni sono alle porte.  Se la cosa andasse avanti tradurrebbe la crisi di governo in una crisi istituzione di cui non abbiamo affatto bisogno”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus