Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Governo Conte, ecco la lista dei ministri che verrà presentata a Mattarella

Nell'ultimo giorno della mediazione tra le forze politiche e il presidente Mattarella, ecco gli altri nomi di chi sale nel totoministri

Immagine di copertina
Il premier incaricato, Giuseppe Conte. Credit: Afp

Governo lista ministri | Totoministri 2018

Oggi, domenica 27 maggio, il premier incaricato Giuseppe Conte dovrebbe tornare dal presidente Mattarella con la lista dei ministri, anche se nessun incontro è stato fissato in via ufficiale.

Il nome di Paolo Savona all’Economia rimane al centro del tavolo. Salvini ieri, sabato 26 maggio, ha detto di non essere disposto a cedere sul nome proposto dalla Lega.

È probabile che oggi un tentativo di mediazione venga condotto dal Movimento Cinque Stelle. Non si escludono soluzioni di compromesso, come lo scorporo di Tesoro e Finanze.

La scadenza per la nascita o meno del suo governo – fissata da Salvini e Di Maio ieri – è per questa sera. E la lista dei ministri sembra praticamente pronta.

“O si chiude questa partita del Governo entro le prossime 24 ore o non si chiude più”, ha detto il capo politico del Movimento Luigi Di Maio ieri sera nel corso di un’iniziativa elettorale a Terni. “Abbiamo gente contro nei piani alti ma tanta gente che ci sostiene”, ha aggiunto Di Maio.

“Passi indietro la Lega ne ha già fatti abbastanza: abbiamo fatto tutto quello che potevamo fare”. Con queste parole Matteo Salvini ha risposto ieri a chi gli chiedeva se intendesse fare passi indietro sulla lista dei ministri.

“Già stasera daremo al presidente del consiglio incaricato i nomi della Lega che sono pronti a fare i ministri e lavorare per il bene dell’Italia: non ne faccio una questione di nomi e cognomi ma di rispetto del voto degli italiani” ha detto il segretario leghista al termine di una riunione con altri esponenti del Carroccio.

Totoministri aggiornato | Totoministri 2018

Esteri – Alla Farnesina scendono le quotazioni di Giampiero Massolo, a vantaggio dell’ambasciatore Luca Giansanti. Giansanti, romano, 59 anni, è stato console a Teheran nel 1987 e Segretariato della CPE a Bruxelles.

Ha ricoperto il ruolo di direttore generale degli Affari Politici del ministero per gli Affari esteri, vice direttore generale per l’Integrazione Europea e direttore generale per la Cooperazione politica multilaterale ed i diritti umani e ambasciatore italiano a Teheran.

Nelle scorse ore si era parlato anche di Pasquale Salzano, attuale ambasciatore italiano in Qatar con un passato nell’Eni.

Interno – Rimane quello del segretario della Lega Matteo Salvini il nome più gettonato per il Viminale.

Affari regionali – Lorenzo Fontana è il nome della Lega agli Affari regionali. Nominato vicesegretario federale della Lega insieme a Giancarlo Giorgetti, da marzo 2018 è uno dei quattro vicepresidenti della Camera dei deputati.

Famiglia – Manuela Lanzarin, ex assessore ai servizi sociali, attuazione programma, rapporti con il Consiglio regionale della Regione Veneto, eletta lo scorso 4 marzo tra le file della Lega alla Camera, è la candidata al nuovo dicastero, preannunciato nel contratto di governo siglato da M5S e Lega.

Turismo, agricoltura e Made in Italy – Gian Marco Centinaio, capogruppo leghista al Senato, potrebbe assumere tre ministeri cruciali per la Lega.

Sviluppo e Lavoro – Luigi Di Maio, capo politico M5S, dovrebbe guidare questo “superministero” per attuare il reddito di cittadinanza.

Difesa – Elisabetta Trenta, analista nei temi della difesa e della sicurezza, capitano della riserva selezionata dell’Esercito e vice direttrice del master in Intelligence e sicurezza della Link Campus University, è stata proposta prima del voto del 4 marzo dal Movimento 5 stelle nella lista dei ministri in caso di governo pentastellato.

GiustiziaAlfonso Bonafede, avvocato e deputato pentastellato, siciliano ma eletto in Toscana, è stato designato come possibile Guardasigilli dal capo politico del Movimento Luigi Di Maio.

Sanità  – Giulia Grillo, capogruppo M5S alla Camera, con una laurea in medicina e chirurgia, è un medico legale ed è stata proposta per il ministero della Sanità.

Rapporti con il Parlamento – Il grillino Riccardo Fraccaro sembra avanzare rispetto alla candidata leghista a questo ministero, l’avvocato Giulia Bongiorno. Tra i Cinque Stelle è stato fatto anche il nome di Danilo Toninelli.

Funzione Pubblica – Nicola Molteni, deputato leghista eletto presidente della commissione speciale a Montecitorio, inizialmente ventilato all’Agricoltura, potrebbe assumere l’incarico di ministro della Funzione Pubblica.

Infrastrutture e dei Trasporti – Nelle ultime ore si registra il sorpasso del leghista Stefano Candiani sulla grillina Laura Castelli, sostenitrice dei No-tav e al centro di uno scoop di Repubblica su delle email con cui avrebbe criticato Di Maio e Di Battista.

Beni culturali – Dovrebbe andare al deputato M5s Emilio Carelli il ministero dei Beni culturali. Fatto anche il nome di Vincenzo Spadafora, fedelissimo del leader 5 Stelle, che potrebbe anche essere dirottato all’Istruzione.