Me

Armenia in rivolta: proteste contro il neo-premier Serzh Sargsyan

Il leader dell'opposizione ha annunciato l'avvio di "una rivoluzione di velluto non violenta"

Immagine di copertina
Proteste a Yerevan. Credit: AFP PHOTO / KAREN MINASYAN

In Armenia la nomina dell’ex presidente Serzh Sargsyan a primo ministro sta generando forti proteste. L’opposizione denuncia l’autoritaria presa di potere e ha detto di voler paralizzare l’intero sistema statale, dando avvio a una “rivoluzione di velluto”, cioè non violenta.

Almeno 46 persone sono rimaste ferite negli scontri con la polizia e numerose persone sono state arrestate nella capitale Yerevan, dove si sono radunati circa 40mila manifestanti.

Piazza di Francia, la piazza principale della capitale, è chiusa da venerdì 13 aprile perché occupata dalle dimostrazioni di protesta.

Sargsyan, leader del Partito repubblica d’Armenia, è stato nominato primo ministro all’esaurimento del suo mandato da presidente, iniziato nel 2008.

Il parlamento ha approvato la sua nomina martedì 17 aprile con 77 voti favorevoli e 17 contrari.

Il leader partito di opposizione Elk, Nikol Pashinyan ha guidato le proteste che hanno tentato di impedire il voto.

Come siamo arrivati fin qui

Le manifestazioni sono iniziate venerdì 13 aprile. Nella notte tra lunedì e martedì i manifestanti hanno iniziato a bloccare le strade centrali della città nel tentativo di bloccare il voto del parlamento.

“In tutta la repubblica hanno luogo azioni di protesta, scioperi, vengono bloccate le strade. Io do l’annuncio dell’inizio della rivoluzione di velluto”, ha dichiarato Pashinyan in un comizio durante le proteste.

“Dobbiamo paralizzare l’intero sistema statale, il potere dovrebbe passare al popolo”, ha aggiunto. “Serzh Sargsyan deve vedere che non ha un paese su cui regnare e nessun popolo da governare”.

I primi scontri tra i manifestanti e la polizia sono avvenuti lunedì 16 aprile.

Armenia proteste

Serzh Sarkisian. Credit: Afp/Karen Minasyan

Nel discorso pronunciato in occasione del suo insediamento il neo-premier ha detto che le sue priorità sono la sicurezza del paese, il rafforzamento dell’esercito e la risoluzione del conflitto nella regione del Karabakh.

L’ex presidente ha rimarcato che durante il suo mandato il Pil dell’Armenia è salito da 6,3 miliardi di dollari a 11,5 miliardi.

Secondo i media, Sargsyan ha inoltre sottolineato che in base alla nuova Costituzione armena il premier è “sotto il controllo del parlamento e può essere sostituito per motivi politici”.

Il neo-primo ministro, 63 anni, ex ufficiale dell’esercito, ha vinto le elezioni presidenziali nel 2008 ed è stato rieletto per un secondo mandato nel 2013. In passato era già stato premier a cavallo tra il 2007 e il 2008.

Il nuovo presidente dell’Armenia è un suo omonimo, Armen Sargsyan, ma i due non sono parenti.

In base al nuovo sistema di governo il presidente ha meno poteri rispetto al premier. Secondo l’opposizione questo cambiamento è stato introdotto per avvantaggiare Serzh Sargsyan.