Me

Yemen, è stato ucciso un operatore della Croce rossa

Hanna Lahoud, operatore della Croce rossa di origini libanesi, è stato ucciso a Taiz, nel sud dello Yemen, da alcuni uomini armati non identificati

Immagine di copertina
Hanna Lahoud, operatore della Croce rossa ucciso in Yemen

Un operatore della Croce rossa in Yemen è stato ucciso oggi 21 aprile 2018 nella città di Taiz, nel sud del paese.

Hanna Lahoud, di origini libanesi, era a capo del programma della Croce rossa che si occupava dei detenuti e si stava recando presso una prigione yemenita quando è stato attaccato da alcuni uomini fuori Taiz.

Lahoud è stato trasportato in ospedale ed è morto a seguito delle ferite riportate.

I colleghi che erano in macchina con lui al momento dell’attacco sono rimasti illesi.

“Condanniamo questo brutale e deliberato attacco a un operatore umanitario”, ha riferito Robert Mardini, direttore della Croce rossa in Medio oriente. “Siamo tutti scioccati. Hanna era un giovane uomo pieno di vita, era molto conosciuto ed amato. Niente può giustificare l’omicidio di Hanna e siamo in lutto per il nostro amico e collega. I nostri cuori e i nostri pensieri sono con i famigliari e gli amici di Hanna”.


Lahoud ha lavorato per la Croce rossa dal 2010 in diverse posizioni all’interno della sede centrale dell’Organizzazione.

Inizialmente aveva prestato servizio come volontario per il primo soccorso ed era stato un membro dello staff della Croce rossa in Libano per molti anni.

Lahoud è stato ucciso nel distretto di al-Dabab, a sud della città di Taiz.

La zona è sotto il controllo delle forze leali al governo, riconosciuto a livello internazionale, del presidente Abed Rabbo Mansour Hadi, secondo quanto riferiscono le forze di sicurezza dello Yemen.

Un’indagine sarà aperta per fare luce sull’incidente, hanno dichiarato fonti dell’amministrazione locale.

“Il gruppo si è fermato nell’area di al-Dabab per compare del formaggio, un uomo armato su una moto si è avvicinato e ha aperto il fuoco sulla macchina, uccidendo l’operatore libanese Hanna Lahoud”, ha riferito una fonte anonima al giornale online Middle East Eye.

Nessuno però ha ancora reclamato la responsabilità dell’attacco.

Lo Yemen è sconvolto dalla guerra civile dal marzo del 2015. Nel paese si contrappongono i ribelli houti e le forze della coalizione internazionale a guida saudita.

Nel paese è in corso la crisi umanitaria più grave al mondo, con più di 22 milioni di persone bisognose di aiuto.

Di recente, l’Arabia saudita eta stata accusata di aver utilizzato armi al fosforo bianco fornite dagli Stati uniti.