Me
Cosa stiamo seguendo | 2 febbraio 2018
Condividi su:
notizie mondo
Cosa stiamo seguendo nel mondo. Illustrazione di Paolo Natale

Cosa stiamo seguendo | 2 febbraio 2018

02 Feb. 2018
notizie mondo
Cosa stiamo seguendo nel mondo. Illustrazione di Paolo Natale

ADEN (Yemen) – L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti stanno cercando di calmare la situazione dopo gli scontri sanguinosi che hanno visto le forze separatiste nel sud dello Yemen prendere il controllo di quasi tutta Aden a spese delle truppe governative.

WASHINGTON (Stati Uniti) – Il Pentagono presenta un aggiornamento della strategia nucleare degli Stati Uniti che, secondo gli esperti, dovrebbe favorire lo sviluppo di nuove armi a minor potenza.

SHANGHAI (Cina) – Il primo ministro britannico Theresa May conclude la sua visita in Cina per rafforzare le relazioni commerciali in vista della Brexit.

L’AIA (Olanda) – Sentenza della Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) sulla questione del risarcimento del Nicaragua al Costa Rica per la risoluzione di una disputa sui confini. 09:00

BUDAPEST (Ungheria)- Il commissario per il bilancio dell’UE incontra i leader di quattro paesi dell’Europa centrale, che temono una riduzione dei finanziamenti UE dopo la Brexit. Conferenza stampa alle 11:00

AFRIN (Siria) – L’offensiva dell’esercito turco e ribelli siriani contro l’enclave curda Afrin nel nord della Siria continua, con raid aerei e battaglie che provocano migliaia di sfollati.

IL CAIRO (Egitto) – Secondo e ultimo giorno di una riunione della Lega araba sulla controversa decisione degli Stati Uniti di riconoscere Gerusalemme come capitale d’Israele.

SAN JOSE (Costa Rica) – La Corte dei diritti dell’uomo Inter-Americana si riunisce in Costa Rica per determinare se l’indulto concesso all’ex presidente peruviano Alberto Fujimori (1990-2000), condannato per crimini contro l’umanità, viola gli standard internazionali.

Oltre le notizie

Corea del Nord, il regime che fa comodo all’Occidente: parla Loretta Napoleoni

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus