Me
La donna minacciata di morte per il video in cui urina sulla bandiera degli Stati Uniti
Condividi su:
Credit: Facebook/Emily Lance

La donna minacciata di morte per il video in cui urina sulla bandiera degli Stati Uniti

Emily Lance aveva pubblicato il filmato su Facebook ed è stata subito aggredita verbalmente. Ora si appella alla libertà di espressione

06 Lug. 2017
Credit: Facebook/Emily Lance

Una donna statunitense è stata minacciata di morte e di stupro dopo aver pubblicato su Facebook un video in cui urinava sulla bandiera statunitense il 4 luglio, festa dell’Indipendenza americana.

Nel filmato, si vedeva Emily Lance sporgersi su un water, al di sopra del quale era stesa una bandiera statunitense. La donna usava poi un dispositivo che permette alle donne di urinare in piedi per dissacrare la bandiera a stelle e strisce.

Il video era accompagnato dalla scritta “F*** your nationalism. F*** your country. F*** your stupid f****** flag”.

Lance ha poi rimosso il filmato dal suo profilo in seguito alle minacce, ma ha continuato a scrivere messaggi in cui si appellava alla libertà d’espressione.

Ora il profilo di Lance non è più presente, ma in precedenza la donna ha scritto un post chiedendo di smettere di minacciare la sua famiglia, specificando che loro non supportano le sue “bravate”.

Lance ha scritto che anche suo padre e il suo posto di lavoro sono stati “presi di mira” a causa del suo video.

“Loro non hanno nulla a che fare con le mie decisioni”, ha scritto secondo quanto riporta la Bbc.

Dissacrare la bandiera non è illegale negli Stati Uniti, grazie alle leggi per la libertà d’espressione.

Qui sotto un’immagine tratta dal video successivamente rimosso:

 

 

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus