Me
Perché camminare e stare al cellulare può essere molto pericoloso
Condividi su:

Perché camminare e stare al cellulare può essere molto pericoloso

Una donna di 67 anni ha riportato gravi ferite dopo essere caduta in una botola mentre passeggiava controllando il telefono. Un video ha ripreso la scena

23 Apr. 2018

Una donna di 67 anni è rimasta gravemente ferita dopo essere caduta in una botola mentre stava camminando e contemporaneamente utilizzando il proprio cellulare.

L’incidente è accaduto giovedì 8 giugno a Plainfield, nel New Jersey, ed è stato ripreso da alcune videocamere di sorveglianza di un negozio di finestre.

La donna stava camminando intenta a controllare il proprio telefono quando è precipitata nella botola aperta che portava in una cantina, cadendo di testa nel vuoto per diversi metri.

I vigili del fuoco hanno estratto la donna dalla botola e l’hanno portata in ospedale dove è stata trattata per le gravi ferite riportate.

Come riferisce la polizia, le porte di accesso al seminterrato erano state aperte per dei lavori di manutenzione alle linee del gas.

Secondo il quotidiano statunitense Washington Post, la donna è in stabili condizioni, mentre il figlio ha dichiarato a Cbs New York che ha voluto far diffondere il video per mostrare i pericoli che si possono correre quando ci si distrae al cellulare mentre si cammina.

Un report del Wall Street Journal del 2016 ha mostrato che i ricoveri per incidenti ai pedoni sono aumentati del 124 per cento dal 2010 al 2014.

“Non stiamo parlando di urti e contusioni”, ha dichiarato Deborah Hersman, ex presidente del National Transportation Safety Board e attuale direttore esecutivo del National Security Council. “Sono persone che hanno riportato gravi ferite, come fratture di ossa”, ha concluso. 

Di seguito il video ripreso dalle telecamere:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus