Me
Il video del tennista che ha molestato una giornalista in diretta televisiva
Condividi su:

Il video del tennista che ha molestato una giornalista in diretta televisiva

Durante un'intervista Maxime Hamou ha abbracciato e cercato di baciare su viso e collo Maly Thomas di Eurosport Francia. Il giocatore francese è stato espulso dal torneo

27 Apr. 2018

Un bacio e un abbraccio improvvisi hanno portato all’espulsione dal Roland Garros per Maxime Hamou, tennista francese che stato subito sanzionato dalla Federazione francese di tennis. Il suo comportamento è stato definito “riprovevole” in un comunicato stampa rilasciato dall’organizzazione.

L’episodio si è verificato il 29 maggio durante un’intervista che la giornalista Maly Thomas stava facendo allo sportivo per la trasmissione Advantage, Leconte” del canale Eurosport Francia. Hamou aveva appena perso una partita e quando la giornalista si è avvicinata per rivolgergli qualche domanda le ha messo un braccio sulle spalle e ha cercato più volte di baciarla sul viso e sul collo.

Thomas ha cercato di liberarsi dalla presa del tennista pur continuando a svolgere il suo lavoro. In seguito ha definito l’episodio molto spiacevole, ma che non ha reagito in maniera violenta perché si trovava in onda: “Se non fossi stata in diretta avrei tirato un pugno a Hamou”

Il tennista ha successivamente pubblicato su Facebook le sue scuse alla giornalista: “Voglio offrire le mie più profonde scuse a Maly Thomas se si fosse sentita ferita o offesa dal mio atteggiamento durante la sua intervista. Ho vissuto una settimana meravigliosa qui al Roland Garros, ho vissuto le mie più belle emozioni come giocatore di tennis, e ho lasciato che il mio eccesso di entusiasmo si esprimesse in modo sfacciato verso Maly, che conosco e rispetto sinceramente”, ha scritto.

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus