Me
Quali sono le droghe più diffuse e pericolose nel mondo
Condividi su:

Quali sono le droghe più diffuse e pericolose nel mondo

Il Global Drug Survey 2017 è il più grande studio mondiale sul consumo di droghe, e il suo ultimo rapporto offre diverse statistiche sugli stupefacenti più letali

24 Mag. 2017

Sono stati diffusi il 24 maggio i risultati del Global Drug Survey 2017, il più grande studio mondiale sul consumo di droghe, che ha coinvolto 120mila persone di cinquanta paesi.

Secondo il sondaggio, il 79,3 per cento degli intervistati ha dichiarato di aver assunto droghe illegali almeno una volta nella vita, e il 36,8 per cento ha ammesso di averlo fatto nell’ultimo mese:

Subito dopo l’alcol, che con il 98,7 per cento di consumo è risultato la droga (legale) più usata dai partecipanti nel corso della loro vita, le droghe illegali più usate sono state invece la cannabis, con il 77,8 per cento, seguita dall’Mdma (33,5), dalla cocaina (29,5 per cento) e dai funghi allucinogeni (24,4).

Questo un grafico completo riguardante le droghe illegali:

E questo un grafico riguardante il consumo nell’ultimo anno:

Lo studio ha registrato anche la quantità di chiamate d’emergenza per avere assistenza medica dopo l’uso delle droghe più diffuse, riportando in questo caso un dato inaspettato per quanto riguarda i funghi allucinogeni, che solo nello 0,2 per cento dei casi hanno generato problemi medici.

Forse a sorpresa, uno dei farmaci più rischiosi in base alla percentuale di chiamate per emergenze sanitarie, è la cannabis sintetica, anche nota come spice e black mamba, che risulta al secondo posto dopo i cristalli di metanfetamina:

Per quanto riguarda l’uso di cocaina, l’Italia non ha molto di cui vantarsi, visto il secondo posto nella classifica del numero di giorni in cui si è fatto uso della droga in questione nel corso dell’anno, nel nostro caso 26 contro i 5,5 della Svezia:

L’Italia risulta prima nelle risposte alla domanda riguardante l’aver avuto modo di imbattersi in cani antidroga nell’ultimo anno, con il 27,7 per cento dei partecipanti che hanno risposto positivamente:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus