Me
Un ex insegnante di chimica è stato arrestato per aver prodotto metanfetamina
Condividi su:

Un ex insegnante di chimica è stato arrestato per aver prodotto metanfetamina

Gli investigatori del New Mexico sostengono che John W. Gose fosse in possesso degli ingredienti necessari per produrre droghe per un valore di circa 44mila dollari

03 Mag. 2017

Un ex insegnante di chimica è stato dichiarato colpevole per aver prodotto metanfetamina dopo aver riprodotto l’esperienza della serie tv Breaking Bad, secondo quanto riporta il giornale Las Cruces Sun News.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Secondo quanto riportato in una dichiarazione dal procuratore distrettuale di Dona Ana County, nel New Mexico, l’uomo 56enne, John W. Gose, era un insegnante di scienze nella scuola pubblica prima di dedicarsi per un breve periodo al crimine. 

La polizia lo ha fermato a ottobre del 2016, notando all’interno della sua automobile un macchinario che sospettavano servisse al raffreddamento del polistirolo. Al suo interno sono stati ritrovati anche oggetti di vetro, tubi di gomma e alcune strane sostanze chimiche che vengono considerate parti del processo di produzione della metanfetamina.

Durante una perquisizione a casa di Gose sono stati trovate trovate altre sostanze chimiche e oggetti che suggeriscono che l’uomo producesse metanfetamina.

L’uomo è stato dichiarato colpevole lunedì 1 maggio, secondo quanto annunciato dal procuratore distrettuale Mark D’Antonio il 2 maggio. Gli investigatori hanno sostenuto che Gose fosse in possesso degli ingredienti necessari per produrre droghe per un valore di circa 44mila dollari. Ora rischia fino a 20 anni di carcere.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus