Me
Le incredibili foto a colori mai viste della seconda guerra mondiale
Condividi su:

Le incredibili foto a colori mai viste della seconda guerra mondiale

Le immagini sono state rese pubbliche per la prima volta negli ultimi giorni grazie agli Imperial War Museums britannici, che hanno curato un libro fotografico

23 Apr. 2017

Una rara serie di fotografie a colori scattate durante la seconda guerra mondiale è stata resa pubblica per la prima volta negli ultimi giorni grazie agli Imperial War Museums britannici, che hanno curato un libro fotografico intitolato The Second World War in Colour.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Le immagini presenti nel volume sono state realizzate da fotografi pagati dal Ministero dell’Informazione durante la guerra, e presentano una vasta gamma di soggetti, tra cui figure notissime come Winston Churchill e il generale e futuro presidente degli Stati Uniti Dwight D. Eisenhower.

Non solo grandi generali, però: le foto mostrano anche gli effetti tragici del conflitto, dagli edifici bombardati all’evacuazione delle popolazioni locali, così come le esercitazioni delle truppe e le varie fasi delle campagne militari in Italia, Tunisia e Grecia.

Furono circa tremila le costose fotografie a colori scattate tra il 1942 e il 1945 per documentare la guerra a livello militare, e nel 1949 le immagini sopravvissute al conflitto furono donate all’Imperial War Museum, dove sono state archiviate fino ad oggi.

Nella gallery, alcune delle più belle tra le foto presenti nel volume.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus