Me

Le frasi più odiate dai paesi europei

Ogni paese ha una frase che fa imbestialire gli abitanti locali, quando pronunciata da un turista straniero. Una mappa le raccoglie tutte

Immagine di copertina

State programmando un viaggio in qualche nazione europea e sperate di creare un buon rapporto con gli abitanti del posto che incontrerete? In questo caso, c’è una mappa che fareste bene a tenere a mente.

Si tratta di una cartina dell’Europa diffusa dalla pagina Facebook Sigmagdx e ispirata a una discussione su Reddit, sulla quale a ogni paese del vecchio continente viene associata una frase.

Si tratta delle esclamazioni che gli abitanti di quei paesi non vogliono assolutamente sentire, in particolare da uno straniero, e che probabilmente in molti casi sono costretti ad ascoltare nel momento in cui si confrontano con un visitatore dall’estero.

Ecco la mappa e, in basso, la traduzione per ogni paese delle frasi più odiate:

Portogallo: Parlate brasiliano, vero?

Spagna: Quindi tu sei un latino?

Francia: I vini americani sono migliori.

Irlanda: Irlanda del Sud.

Inghilterra: Las malvinas son Argentinas.

Scozia: In quale parte dell’Inghilterra si trova?

Svizzera: Il cioccolato belga è migliore.

Paesi Bassi: Sinterklaas è razzista.

Germania: Questo video non è disponibile nel vostro paese.

Italia: Mi piace la pasta con il ketchup.

Austria: Siete tedeschi?

Repubblica Ceca: Siete est-europei?

Polonia: Campi di sterminio polacchi.

Ungheria: Are you hungry? Hahaha.

Campagna regione lazio

Slovenia: Serbi alpini.

Croazia: Serbi cattolici.

Bosnia-Erzegovina: Serbi musulmani.

Serbia: Tesla era croato.

Macedonia: Serbi del sud.

Grecia: La Macedonia ai macedoni!

Bulgaria: Usate ancora l’alfabeto russo?

Romania: Splendido paese, adoro Budapest.

Turchia: Puoi tradurmi questa frase dall’arabo?

Norvegia: Sareste la parte occidentale della Svezia?

Svezia: Capitale mondiale degli stupri.

Paesi Baltici: Baltici? Siete russi, vero?

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**