Me
Il video di promozione delle Paralimpiadi
Condividi su:

Il video di promozione delle Paralimpiadi

Un trailer realizzato dall'emittente britannica Channel 4 per promuovere la sua copertura dell'evento sportivo è diventato in breve tempo virale in rete

20 Lug. 2016

L’emittente televisiva britannica Channel 4 ha da poco rilasciato
un trailer di circa tre minuti per promuovere le Paralimpiadi Rio de Janeiro,
che nel Regno Unito saranno trasmesse proprio dalla rete in questione.

Nel video si alternano immagini di imprese olimpiche
realizzate da atleti disabili all’esibizione di una band, anch’essa composta da
musicisti con diverse tipologie di disabilità, che interpreta un brano appropriatamente
intitolato Yes I Can. Il video è di
fatto una compilation di azioni che verrebbero giudicate apparentemente
impossibili da svolgere da una persona con una disabilità, ma che, come le
immagini dimostrano, grazie alla determinazione e alla volontà dei protagonisti
diventano possibili.

Quattro anni fa, in occasione delle Olimpiadi londinesi, Channel
4 diede un’ampia copertura dei Giochi Paralimpici – era la prima volta che l’emittente
aveva in programmazione l’evento sportivo – e la scelta ebbe enorme consensi,
con indici di ascolto tra i più alti dell’emittente televisiva.

Già all’epoca il video-trailer della manifestazione,
intitolato Meet the superhumans  fu uno degli spot più apprezzati dell’anno,
accumulando moltissimi visitatori su YouTube, e ora, in vista dei giochi di Rio
de Janeiro  che si terranno a settembre,
subito dopo le Olimpiadi classiche, i creativi dietro a quel video sono tornati.

Ecco quindi il nuovo, incredibile trailer, intitolato We’re the Superhumans:

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus