Me
Una ragazza è morta a Manchester dopo aver preso una pasticca di ecstasy
Condividi su:

Una ragazza è morta a Manchester dopo aver preso una pasticca di ecstasy

La polizia ha lanciato l'allarme su alcune pasticche che potrebbero contenere un dosaggio sbagliato delle pericolose sostanze chimiche

02 Mag. 2016

Una ragazza è morta nelle prime ore di lunedì 2 maggio dopo aver ingerito una pasticca di ecstasy nel Regno Unito.

La giovane stava ballando in un locale di Manchester quando intorno alle cinque di mattina ha accusato un malore. È stata trasportata d’urgenza in ospedale ma è morta poco dopo.

Allarme della polizia sul tipo di pasticche, contrassegnate dal simbolo Mastercard, che potrebbero contenere un dosaggio sbagliato delle pericolose sostanze chimiche.

“Purtroppo siamo sicuri che la vittima non è stata l’unica ad assumere la droga”, ha detto l’ispettore Helen Bell della polizia di Manchester.

“Stiamo chiedendo a chiunque abbia preso quel tipo di pasticca di recarsi al pronto soccorso per avere assistenza medica, perché anche se sono passate alcune ore le sostanze chimiche sono ancora nel corpo e potrebbero causare danni alla salute”.

L’ecstasy è una droga chimica composta per la maggior parte da MDMA, una droga stimolante che agisce sull’umore e viene spesso assunta dai giovani nelle serate di musica elettronica e nei rave.

A volte, però, le pasticche sono composte da altre sostanze chimiche come il PMA e il PMMA, molto più pericolosi per la salute, oppure possono avere dosaggi sbagliati che comportano un rischio di overdose.

Nel Regno Unito circa 600mila giovani tra i 16 e i 24 anni hanno ammesso di aver assunto almeno una volta in un anno ecstasy. Nel 2013, sono morti 43 giovani dopo aver assunto la droga.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus