Me
I trafficanti responsabili della morte di Aylan Kurdi e di altri migranti sono stati condannati
Condividi su:

I trafficanti responsabili della morte di Aylan Kurdi e di altri migranti sono stati condannati

Due siriani, Mufawaka Alabash e Asem Alfred, sono stati condannati ciascuno a quattro anni e due mesi di carcere per traffico di esseri umani

Un tribunale turco ha condannato due siriani a quattro anni e due mesi di carcere per l’annegamento di cinque persone, tra cui bambino Aylan Kurdi, l’immagine del cui corpo morto aveva scatenato solidarietà globale lo scorso settembre per la sorte dei migranti. 

Aylan, il cui corpo giaceva su una spiaggia turca, era annegato insieme a sua madre, al fratello e a un gruppo di migranti che cercavano di raggiungere la Grecia in barca. Il padre era sopravvissuto e ora vive in Iraq. 

I due siriani, Mufawaka Alabash e Asem Alfred, sono stati condannati ciascuno a quattro anni e due mesi di carcere per traffico di esseri umani. Ma sono stati assolti dall’accusa di aver provocato la morte per “negligenza cosciente”. I due sono stati processati a Bodrum, la stessa città dove è stato trovato il corpo di Aylan. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus