Me
Un anno senza internet
Condividi su:

Un anno senza internet

Il giornalista Paul Miller ha vissuto per un anno senza accedere alla rete

03 Mag. 2013

Paul Miller, scrittore e giornalista presso il sito di tecnologia The Verge, è appena uscito da un’esperienza impossibile: sopravvivere un anno senza Internet. 

Lo scorso mercoledì Miller si è ricongiunto con il resto dei navigatori digitali e ha ricollegato il WiFi del suo computer portatile e dell’iPad. Il risultato dell’esperimento, ha detto, è che la vita on-line non lo aveva mai realmente ostacolato dall’essere produttivo o creativo. “Le ragioni più profonde della maggior parte dei miei problemi in realtà non hanno a che fare con internet. Si sono semplicemente manifestati in modo diverso mentre ero offline”, ha detto.

A 26 anni Miller si sentiva esaurito, e nel disperato tentativo di sfuggire al diluvio di mail, dei tweet e dei messaggi di testo che avevano scandito i suoi giorni, il 1 marzo 2012 si è deciso a staccare la spina del tutto. Per un anno, aveva promesso, avrebbe vissuto senza Internet : niente Wifi, niente social media, niente smartphone. ‘Volevo una pausa dalla vita moderna – la ruota del criceto di una casella di posta elettronica, il costante flusso di informazioni che copriva la mia sanità mentale”.

Non ha letto e-mail nè digitato alcuna parola su Google, tantomeno ha scaricato applicazioni. Ha vissuto tutto l’anno con la speranza di scoprire di più su se stesso e concentrarsi su altre attività.

Durante le sue prime settimane senza Internet “la vita è stata piena di eventi fortuiti, incontri nella vita reale, frisbee, gite in bicicletta, e letteratura greca”, scrive Miller.

La vita senza Internet inizialmente ha davvero dato i suoi frutti: la sua capacità di concentrarsi è miglioratata, ha perso 15 chili senza veramente mettersi a dieta, e la gente intorno continuava dirgli che sembrava davvero una persona più felice. In una seduta, “il mio stesso terapista mi ha letteralmente dato una pacca sulla schiena”. Ha riacquistato la sua capacità di attenzione, è diventato più attento al mondo intorno lui, ha approfondito le sue connessioni umane.

Ma alla fine Miller era ricaduto nelle vecchie e cattive abitudini, come passare ore ai videogiochi invece di uscire e fare cose nel mondo reale, come aveva progettato. La sua vita libera da Internet “non era la vita reale” e molte delle sue nuove occupazioni non in linea gli facevano perdere tempo in modo simile.

Stare “sconnesso” ha comunque ostacolato gran parte dei suoi rapporti personali e professionali: “A un certo punto i miei genitori erano stufi di chiedermi se ero vivo, e di mandare mia sorella al mio appartamento per controllare “, ha detto. “Su internet è più facile assicurare la gente che sei vivo e sano, oppure collaborare con i miei colleghi, è determinante per essere una parte rilevante della società”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus